Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

L’ennesimo caso di razzismo in internet

Miss Italia nel Mondo 2011: insultata perché di colore


Miss Italia nel Mondo 2011: insultata perché di colore
22/07/2011, 09:07

La brasiliana Silvia Novais, pronipote di un fiorentino, eletta Miss Italia nel Mondo 2011, è oggetto di insulti su un sito razzista neonazista brasiliano. “Una negra disgustosa non può essere italiana, forse tutt’al più ha un nonno del nonno del nonno che era italiano”, si legge in un commento del sito Stormfront.org, che ha come simbolo una croce celtica con la scritta “White Pride” (Orgoglio bianco), alla notizia dell’elezione di Silvia il 3 luglio a Reggio Calabria. “Nella Roma antica, il massimo che quella nera schifosa sarebbe stata è sguattera di Nerone”, scrive un altro adepto del sito. In altri settori del sito, appaiono attacchi a ebrei, gay e immigranti illegali. Il commissariato di San Paolo per la repressione dei delitti razziali e di intolleranza (Dhpp) ha aperto un’inchiesta sullo Stormfront, che è la filiale brasiliana di un movimento di “nazionalisti bianchi per la difesa della razza” creato negli Stati Uniti alla fine degli anni ’90 e l’auspicio è che gli autori di tali ridicole dichiarazioni possano essere puniti il prima possibile. “Mia madre è mulatta e mio padre è bianco, io mi considero negra e sono fiera del mio colore - ha commentato la ragazza di Bahia, un metro e 77 e 55 chili, che ha sbaragliato le altre 39 concorrenti della finale di quest’anno di Miss Italia nel Mondo -. Perché tanto odio nei miei riguardi? - prosegue Silvia - Le regole del concorso prescrivono che si possono iscrivere discendenti fino alla quinta generazione. Mio nonno era italiano, fiorentino, è venuto in Brasile di suo spontanea volontà e amava questo Paese”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©