Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Mistici metropolitani mostra collettiva di Gianfranco De Micheli


Mistici metropolitani  mostra collettiva di  Gianfranco De Micheli
28/02/2012, 11:02

Tre artisti nati in tre grandi metropoli : Roma, Napoli, … New York ! Tre ricercatori spirituali con un comune eppur diverso terreno culturale, nati nel tempo dell’incontro-scontro fecondo tra oriente ed occidente, il tempo delle “contaminazioni “ creative,il tempo in cui le diverse culture e tradizioni del Pianeta sono tutte presenti in ogni luogo : quindi ogni luogo è il centro del mondo,come dice Alce Nero,uomo-medicina dei Lakota.
Tre persone con scelte di vita precise,specifiche ma diverse eppur interrelate tra loro.Tre persone che hanno scelto ed accettato di vivere nel mondo e nel quotidiano la loro ricerca artistica e spirituale ,affrontando ogni giorno le sfide che il mondo ci pone continuamente, affrontandole con la Bellezza che trasmuta ogni cosa,ogni evento,la vita stessa in un’opera d’arte : un ready made dell’esistenza quotidiana che ci fa realizzare che l’ ordinario è lo straordinario. Come dice Herman Hesse Arte significa mostrare Dio in ogni cosa. In questo spirito Gianfranco, Francis e Gino ci offrono questi frutti del loro operare, condividono con noi le loro visioni e percezioni di mistici metropolitani.
Nell’ambito della mostra “MISTICI METROPOLITANI” gli Artisti-Ricercatori Spirituali : Gianfranco De Micheli, Gino Sansone e Francis V.Tiso, hanno voluto offrire la realizzazione di una installazione : “ BODY-SOUL ”. L’Opera consiste nella creazione di una figura umana di grandi dimensioni sul pavimento della Galleria, realizzata con polveri colorate.Perché un’opera in comune e perché una creazione con le polveri? Le risposte a questi due quesiti spiegano il senso dell’Opera.Il lavoro in comune esprime il profondo senso dell’essere umano, quello di vivere in una comunità e quello di far parte di un unico organismo, di cui siamo fruitori e responsabili.La scelta delle Polveri come materia della creazione artistica rimanda al “Pulvis eris et in pulverem reverteris” e alla costruzione dei Mandala dei Monaci Buddisti Tibetani, ma anche alla manifestazione prima degli Universi, la polvere dorata del Brahman.Questi tre riferimenti hanno in sé quel senso del divenire che ci fa sentire particelle infinitesimali rispetto all’enormità del mistero della vita, proprio come granelli di polvere.All’interno della figura umana sono rappresentati alcuni dei simboli che esprimono da sempre, in tutte le culture del Pianeta, gli aspetti più profondi e spirituali della Vita.
Alla chiusura della mostra questa figura verrà dissolta, come avviene per i Mandala Buddisti, che con questo atto intendono esprimere il concetto dell’Impermanenza. Le polveri in seguito saranno riposte in piccoli Pop-Barattoli di latta con un’etichetta firmata dagli Autori, a testimonianza dell’intento Artistico e Spirituale .Tali Pop-Barattoli, numerati, potranno essere acquistati a prezzo simbolico da coloro che vorranno avere in casa un’ Opera che testimonia l’ Arte e l’ Esistere.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©