Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Moda all’ombra del Vesuvio, festa grande per i 14 giovani vincitori


Moda all’ombra del Vesuvio, festa grande per i 14 giovani vincitori
23/05/2011, 14:05

Giovani con un’età media pari a 25 anni, tanta fantasia e voglia di lavorare ed emergere. È questo l’identikit dei 14 ragazzi che si sono aggiudicati gli stage messi in palio dall’associazione Piazza di Spagna nel corso della decima edizione di Moda all’ombra del Vesuvio, la kermesse svoltasi lo scorso fine settimana nello splendido scenario di villa Campolieto ad Ercolano. Una manifestazione che ancora una volta ha messo in luce numerosi talenti che hanno mostrato di avere tutte le carte in regola per sfondare nel mondo della moda, magari partendo proprio dall’opportunità di un anno fornita loro dagli atelier nazionali e regionali che hanno positivamente risposto all’invito di Annabella Esposito, organizzatrice della rassegna che negli anni ha lanciato diversi giovani capaci poi di fare strada.
I ragazzi premiati vengono non solo dalla Campania ma anche da Abruzzo e Basilica, a dimostrazione del fatto che Moda all’ombra del Vesuvio è divenuta una kermesse importante per tutto il mezzogiorno.
Questi i giovani premiati dalla giuria, presieduta da Laura Biagiotti Pieralisi (che ha anche messo in palio uno degli stage): Sergio Baldassaro (della scuola moda Burgo di Pescara, vincitore dello stage da Valentino), Annalisa Teseo (scuola moda Burgo di Pescara, Laura Biagiotti Pieralisi), Viviana Casagrande (stage da Gattinoni), Giusy Sorrentino (Marella Ferrara), Anya Olkhouyk (Marella Ferrara), Valeria Orefice (scuola Bassolino di Casoria, Raffaella Curiel), Giovanni Cosenza (Anna Guarda), Marianna Miranda (Euromode school di Poggiomarino, Maria Grazia Bonanno), Maria Domenica Lupino (Euromode school di poggiomarino, Alessio Visone), Ylenia Prisco (istituto Caravaggio di San Giuseppe Vesuviano, Consiglia Moggione per Medea), Tina Mazzola (scuola Bassolino di Casoria, Vincenzo Casapulla), Giovanni Errico (scuola di moda Lofrano di Francavilla in Sinni, Sartoria Antonelli), Vincenzo Di Gennaro (scuola Bassolino di Casoria, Germano Reale), Rosa Allocca (istituto Caravaggio di San Gennaro Vesuviano, Mimmo Dionisy). Il premio alla migliore scuola, che consiste in una visita alla maison Valentino a Roma) è stato vinto dalla Marianna Lofrano di Francavilla in Sinni.
Successo anche per la seconda serata, riservata agli abiti di diverse case di
moda: sullo scalone di villa Campolieto le modelle hanno indossato creazioni di Luigi Labriola per i gioielli, Anna Caiazzo, Silvana creazioni, Nunzio Russo, Mimmo Dionisy, Giovanna Pugliese, Modus di Giovanna Panico, Pinù couture, Mimmo Tuccillo (quest’ultimo ha presentato una collezione di abiti che esaltavano i colori della bandiera italiana).
“Ancora una volta – ha sottolineato a fine manifestazione Annabella Esposito – Moda all’ombra del Vesuvio ha voluto rafforzare il made in Italy e la produzione artigianale presente in Campania”.
Molto applauditi gli spettacoli collaterali alla manifestazione. Apprezzato, a tal proposito, l’esibizione del cabarettista Paolo Palmentieri, formatosi grazie a manifestazioni di carattere nazionale (come il premio Troisi e Comix di Bellaria) e poi protagonista come imitatore in un programma di Canale 5 condotto da Teo Mammuccari. È protagonista dello sport contro l’Aids che è possibile vedere grazie a Youtube.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©