Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Napoli

Moda e disabilità: connubio possibile

Via al Primo Laboratorio di Produzione Capi di Alta Moda

.

Moda e disabilità: connubio possibile
17/03/2011, 17:03

Napoli diventa la sede di una delle più esemplari iniziative che si siano mai proposte nel nostro territorio.
Presso la bellissima cornice del Castel dell’Ovo si è svolta la mostra convegno dal nome “Diversamente Moda”. Si tratta del “ Primo Laboratorio di Produzione Capi di Alta Moda” che permetterà di sostenere l’inserimento delle persone Diversamente Abili all’interno del settore lavorativo ed in questo caso nel settore della moda.
L’idea è stata sviluppata sulla consapevolezza della situazione di emergenza in cui vertono le persone diversamente abili in questo ultimo periodo, in cui i tagli e la crisi li hanno resi una classe ancora più discriminata e marginale. In particolare negli ultimi due anni sono stati provocati dei tagli al Fondo inserimento lavorativo dei disabili ed il contemporaneo blocco nell’assunzione nella P.A. fino alla legge che intacca la quota di riserva ed ora in via di correzione, movimenti che creeranno sempre meno posti di lavoro ai disabili.
Grazie all’esperienza dell’A.N.I.D.A. e a questa iniziativa sarà possibile, da una parte riportare l’attenzione delle istituzioni e delle imprese sulle capacità reali dei disabili e allo stesso tempo su idee progettuali di qualità. Esistono infatti dei settori di mercato che non vengono presi in considerazione come quella dell’alta moda . Quest’ultima necessita di una mano d’opera specializzata che diventa sempre più difficile riscontare in Italia ma che invece si rispecchia con quelle che sono le capacità dei diversamente abili.
Per sostenere questa importante iniziativa era stata richiesta la partecipazione delle istituzioni: L’Arcivescovo di Napoli C. Sepe, Il Presidente della Regione Campania on .S. Caldoro, il Sindaco di Napoli on. R.R. Jervolino, Il Presidente della Provincia di Napoli L. Cesaro, il presidente Del Consiglio Regionale della Campania on. P. Romano, gli Ass. regionali al lavoro prof. S. Nappi ed alle politiche Sociali on. E. Russo, gli assessori Provinciali al Lavoro dott. essa M. L. Galdieri ed alle politiche sociali dott. F. Pinto , ed i sette candidati a Sindaco di Napoli.
I suddetti invitati sono però venuti meno all’invito e hanno provveduto a far recapitare un biglietto di scuse. Il risultato è stato quello di una totale assenza delle istituzione.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©