Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

“Ho cambiato casa tre volte ma mi trova sempre”

Monica Leoffredi si confessa: “Ho paura del mio stalker”


Monica Leoffredi si confessa: “Ho paura del mio stalker”
10/07/2013, 18:34

Monica Leofreddi, conduttrice televisiva, confessa al settimanale Oggi la paura per l’uomo che da anni la perseguita, il suo stalker:  "Ho cambiato casa tre volte, ma lui, non si sa come, è sempre riuscito a ritrovarmi. La criminologa alla quale mi sono rivolta mi ha spiegato le cose molto chiaramente: questa morbosa ossessione amorosa che è nata dal nulla, in un nulla potrebbe trasformarsi in odio", ha dichiarato la bionda conduttrice al settimanale.
"Finora questa persona giustifica le sue azioni con un assurdo senso di protezione nei miei confronti - racconta - ma domani potrebbe anche cercare di farmi del male. Mi hanno consigliato di vivere blindata, assumendo tutta una serie di precauzioni. Ho dovuto cambiare l’asilo di mio figlio Riccardo perché il giardino in cui lo portavano a giocare era troppo visibile dalla strada. Ma io non ho la possibilità economica di assumere delle guardie del corpo".
La Leofreddi rivela che il suo stalker, Goffredo Imperiali nel 2011, dopo la sua denuncia, aveva inviato al Tribunale dei minori di Roma la "richiesta di riconoscimento della paternità di mio figlio Riccardo. Quando il 17 gennaio mi hanno convocato in Procura, pensavo che volessero finalmente interrogarmi sulla persecuzione di quel tale. Invece il magistrato mi ha chiesto: 'Signora, ma perché non fa vedere il figlio a suo marito?'. Insomma, le mie denunce, circostanziate e documentate, erano cadute nel vuoto e infatti pensavano di archiviarle. La delirante istanza dello stalker, invece, era stata presa sul serio e io mi dovevo difendere dall’accusa di essere una madre degenere". Nonostante la paura però Monica riesce ancora ad essere ironica: "Vuole sapere l’ultima? Mi ha intestato le sue due case. Stai a vedere, ho pensato, che ora mi toccherà pure pagargli l’Imu".

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©