Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

"Usate la vostra forza per protestare e sovvertire"

Monicelli ai giovani:"Ribellatevi"


Monicelli ai giovani:'Ribellatevi'
03/06/2010, 21:06

ROMA - 95 anni e ancora tanta energia sovversiva per il regista italiano Mario Monicelli che, questa mattina, all'Istituto di Stato per la Cinematografia e la Televisione "Roberto Rossellini", ha invitato i giovani presenti alla conferenza stampa a "ribellarsi" contro i tagli alla cultura imposti dal governo:"Spingere con la forza e non tacere - ha esortato infatti Monicelli -. Dovete usare la vostra forza per sovvertire, protestare. Fatelo voi che siete giovani. Io non ho più l'età".
Come intuibile, il monito eversivo del famoso regista, ha scatenato una lunga ovazione del pubblico che, all'interno della sala cinematografica dell'istituto, ha assistito anche alla proiezione della breve pellicola provocatoria intitolata "La nuova armata Brancaleone". Il cortometraggio, come lo stesso autore non aveva nascosto prima della sua breve proiezione, era in realtà soltanto un modo per far scorrere alcuni punti programmatici che spiegano come non sarà più possibile fare cinema a causa dei tagli imposti dall'esecutivo. Tra questi, come si legge anche sul Corriere della Sera, si notano in particolare quelli che recitano profetici:"Succederà che questo schermo rimarrà nero, senza immagini, senza parole. Succederà che i lavoratori di domani di cinema e televisione non avranno un futuro. Perchè - compare ancora sullo schermo de 'La nuova armata Brancaleonè' - si sta tagliando il loro presente. Perchè si stanno negando i loro diritti di studenti".
"Succederà che l'unica scuola di cinema e televisione pubblica in Italia perderà materie fondamentali - conclude il film-denuncia-. E succederà anche che non sarà l'unica. Ragionieri, geometri, agrari,educatori, ricercatori tutti nella stessa barca, anzi, tutti parte di una nuova armata Brancaleone".

LA REAZIONE DEL GOVERNO
Quasi immediate le risposte colme di rimprovero rivolte al regista romagnolo da Sandro Bondi e da altri rappresentanti della maggioranza. Per il ministro della Cultura:"Intellettuali come Monicelli non si rendono conto della gravità e delle conseguenze delle loro parole".
"Non dovremmo sottovalutare il monito di Giampaolo Pansa - 
incalza Bondi - quando avverte il montare nuovamente di un clima di odio che in italia ha già prodotto una lunga stagione di violenza politica".
Anche il capogruppo del Pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto usa parole forti contro Monicelli:"Il fatto che abbia realizzato dei bei film - ha infatti osservato - non è una buona ragione per far passare senza replica l'irresponsabile auspicio per l'uso della forza da parte dei giovani. Evidentemente ha rimosso quanto accaduto in Italia negli anni '70-'80".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©