Cultura e tempo libero / Archeologia

Commenta Stampa

Monumenti flegrei inaccessibili


Monumenti flegrei inaccessibili
14/06/2010, 13:06

Pozzuoli (NA).Lo sostengono i residenti della zona che delimita la macchia verde della città, oramai devastata dall’incuria e dall’indecenza. “Siamo stanchi di subire la lenta decomposizione di quelli che dovrebbero essere i beni collettivi del nostro territorio e denunciamo il deterioramento di questa, come di altre,aree verdi”- sintetizzano il pensiero comune i referenti di Lega Sud Ausonia, tentando un’azione di sensibilizzazione a favore degli spazi pubblici, e commentano: “I bagni pubblici di questo importante monumento sono totalmente chiusi al pubblico; l’impianto elettrico è vecchio e in alcuni casi pericoloso. Il parco giochi per i bambini è fatiscente; manca una pavimentazione gommosa che possa proteggere i piccoli cittadini puteolani da eventuali cadute. Inoltre, preoccupa la questione sicurezza; il parco è sprovvisto di vigilanza, difatti spesso si verificano atti vandalici o si assiste al desolante quadro di giovani che fanno uso di droghe leggere” e in una lettera protocollata al comune di Pozzuoli pubblico, l’ente associativo, in collegio con un massiccio numero di residenti, chiedono “un impegno continuo e concreto per la salvaguardia di villa Avellino, in tutta la sua gestione e manutenzione”. Intanto il personale comunale, che lavora all’interno della villa Avellino,  fa sapere di essersi autotassato  per ripristinare un laghetto artificiale all’interno del plesso, completamente inaridito nel tempo.

 

 

Commenta Stampa
di Livia Carandente
Riproduzione riservata ©