Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Mosaici restaurati a Belgrado con l'aiuto dell'Italia


Mosaici restaurati a Belgrado con l'aiuto dell'Italia
02/02/2009, 13:02

'I mosaici di Gamzigrad' è il titolo di una mostra inaugurata al Museo nazionale di Belgrado, frutto di un progetto finanziato interamente dalla Cooperazione italiana allo sviluppo presso il Ministero degli affari esteri, con la supervisione dell'Ambasciata d'Italia a Belgrado. Scopo del progetto, realizzato con la supervisione di esperti italiani dell'Istituto superiore della conservazione e restauro (Iscr), è stata l'organizzazione di un corso per tecnici serbi, ai quali è stato affidato il restauro di due mosaici provenienti dagli scavi della Felix Romuliana, custoditi presso il Museo Nazionale di Zajecar (Serbia sudorientale), risalenti al periodo tra la fine del terzo e l'inizio del quarto secolo dopo Cristo: 'Il Labirinto', scoperto nel 1957, e il 'Dioniso in festa', venuto alla luce nel 1969, entrambi appartenenti al complesso residenziale fatto costruire dall'imperatore Gaio Galerio Valerio Massimiano. "Con un piccolo progetto dal punto di vista del finanziamento - ha osservato l'Ambasciatore d'Italia a Belgrado, Alessandro Merola - siamo riusciti ad avere un grosso risultato dal punto di vista dello scambio del know how in un campo in cui l'Italia eccelle". "Il nostro obiettivo - ha aggiunto - è quello di arrivare al finanziamento per la creazione di un Istituto nazionale per il restauro con l'assistenza del nostro Istituto superiore per la conservazione e il restauro.". I lavori, durati tre mesi, hanno consentito di riportare all'antico splendore i due mosaici. I corsi si sono articolati in due settimane di lezioni teoriche tenute da Simona Rinaldi e Paolo Pastorelli, e 10 settimane di pratica di restauro sui mosaici di Romuliana sotto la direzione di Carlo Usai e Massimo Ragno. Il progetto è parte di un programma più ampio a favore del laboratorio specialistico di restauro del Museo nazionale di Belgrado, il cui finanziamento complessivo è stato, tra il 2006 e il 2008, di 349 mila euro. E' in corso di approvazione un finanziamento di 3 milioni di euro per la creazione di un Istituto nazionale per il restauro serbo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©