Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Mostra - Evento, mercato creativo


Mostra - Evento, mercato creativo
03/12/2010, 10:12

NAPOLI - Il Natale è alle porte e quest’anno l’albero è realizzato con materiali riciclati: sabato 4 dicembre 2010, alle ore 18, sarà inaugurato a Napoli “Ama – Mercato creativo ArteMuoveArte” nello Spazio Ventre, in Largo Tarsia 6. In undici hanno addobbato il loro “albero” utilizzando principalmente materiali di recupero per dar vita all’evento “Palle d’artista”. Un gruppo che prova a ripartire dalla creatività del proprio “ventre”: «Troppo spesso siamo tacciati di essere immobili, fermi – dichiara Matteo Casamassima, responsabile dello Spazio Ventre – ma bisogna ripartire. Per questo motivo abbiamo deciso di dedicarci a un evento basato sul riuso per far conoscere i nostri lavori».
Non solo riciclo. Nello Spazio Ventre sarà possibile conoscere e acquistare gli oggetti degli artisti che utilizzano materiali differenti per dare forma alla loro creatività: dal porfido alla lana, dall’argilla alle ceramiche sintetiche, dall’argento alla carta. Lo Spazio Ventre sarà aperto al pubblico sabato 04 e domenica 05 dicembre, dalle 18 alle 22. Aprirà le sue porte il week- end successivo, 11 e 12 dicembre. Il terzo appuntamento con “Artemuovearte – Mercato creativo” è in programma dal 18 al 23 dicembre, dalle 18 alle 22: ogni serata sarà movimentata da una performance differente che renderà l’atmosfera ancora più unica.

18 dicembre 2010 – Ricerca coreografica di Martina Coppeto
19 dicembre 2010 - “I don’t know yet, but it’s a duet!” di Rossella Canciello e Simona Manzo 20 dicembre 2010 - Mario Romano “Quartieri jazz”
21 dicembre 2010 - Scialaruga
22 dicembre 2010 – Climnoizer (neo ouija rec.)
23 dicembre 2010 – “La ferita risanata”, monologo di Giovanni Festa, interpretato da Silvia Giacomin e diretto da Viviana Piccolo


Artisti
Adelaide di Nunzio, Alessandro Rak, Angioletta delli Paoli, Bobò, Fiorella Pontillo,Francesca Nicodemo, Francesco Misuraca, Julien Nigro, Matteo Casamassima, Nerea, Sofia Scarano

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©