Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Testimonianze e collezioni provenienti da tutto il mondo

Mostre, i volti di Buddha, a Roma fino al 15 gennaio


Mostre, i volti di Buddha, a Roma fino al 15 gennaio
04/12/2012, 21:01

ROMA - Domani alle 18.30, presso il Centro Studi Cappella Orsini a Roma si svolgerà l'evento “Tra Oriente e Occidente: il Buddhismo come veicolo di esperienze”, un incontro con Maria Immacolata Macioti, docente di Sociologia e Maria Angela Falà, presidente della Fondazione Maitreya, istituto di cultura buddista. L'iniziativa rientra tra gli eventi della Mostra “I volti del Buddha: testimonianze e collezionismo” che rimarrà aperta al pubblico fino al 15 gennaio 2013, visitabile dal lunedì al venerdì dalle 10.30 alle 19 e il sabato dalle 14 alle 20 presso il Centro Studi Cappella Orsini. La mostra mira a valorizzare il dialogo interculturale, l'integrazione e il confronto con culture diverse attraverso la conoscenza e l'approfondimento del Buddhismo, religione nata oltre duemilacinquecento anni fa in India e ramificatasi ben presto in tutto il mondo orientale, fino al suo approdo in Occidente. “I volti del Buddha: Testimonianze e collezionismo” illustra la ricca iconografia delle divinità buddiste dal II secolo d.C. a oggi, esponendo oltre 100 sculture in bronzo, legno, marmo e rame nonché manufatti devozionali contemporanei. I materiali presentati provengono dall'India, dalla Cina, dalla Thailandia, dal Burma, dal Vietnam, dallo Sri Lanka e dal Nepal. L'allestimento della mostra è suddiviso in due ambienti separati: la sala inferiore ospita la ricostruzione di un tempio della tradizione Theravada mentre in quella superiore la cornice è rappresentata da un Tempio della tradizione Tibetana. Tutti gli arredi sono originali e in grado di restituire l'atmosfera devozionale dei luoghi di culto dell'Asia. Il percorso del pubblico è inoltre supportato da alcune video installazioni con filmati di carattere didattico e documentaristico. I contenuti del progetto “I volti del Buddha” sottolineano l'universalità e l'originalità del pensiero buddista e veicolano messaggi di pace e conciliazione tra i popoli partendo dalla comprensione dei concetti fondamentali e dalla descrizione delle diverse correnti filosofiche che compongono il mosaico di una dottrina antichissima tuttora viva e in costante espansione.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©