Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Le dichiarazioni del medico in edicola su Gente di domani

Murray: “Jacko si iniettò da solo la dose letale”


Murray: “Jacko si iniettò da solo la dose letale”
27/06/2010, 13:06

NAPOLI – Michael Jackson si iniettò da solo la dose di Propofol che poi si rivelò letale. E’ quanto dichiara Conrad Murray, il cardiologo di Jacko, formalmente accusato di omicidio colposo per la morte improvvisa del Re del pop. In una intervista rilasciata al settimanale Gente (in edicola domani), Murray ribadisce la linea della sua tesi difensiva in vista del processo che si terrà a breve. Secondo il medico, era Jacko a insistere per avere quello che chiamava “il suo latte”, ovvero il Propofol, il potente anestetico che ha finito col mettere ko il suo cuore. “Solo dopo ore ho ceduto alle sue richieste”, aggiunge il cardiologo. Per Murray il cantante, dipendente dal farmaco, si sarebbe iniettato in sua assenza e da solo un’altra dose di Propofol.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©