Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Il singolo girato nelle sale del Madre

Musica: "Bio-Logic" ultimo album della Capone & Bungtbangt


.

Musica: 'Bio-Logic' ultimo album della Capone & Bungtbangt
05/06/2010, 11:06


NAPOLI - Il Museo Madre come scena di 'Un'altra canzone d'amoré singolo estratto da 'Bio-Logic' ultima fatica della Capone & BungtBangt, album realizzato per raccontare i dieci anni di musica a 'impatto zero'. E proprio il museo di arte contemporanea è stato la location della presentazione dell'album che raccoglie 21 brani che hanno segnato la storia del gruppo che fin dagli esordi ha utilizzato solo e sempre materiali di scarto per produrre musica. Strumenti che anche oggi sono stati utilizzati per far ascoltare al pubblico presente in sala alcune versioni unplugged di alcuni brani che saranno riproposti, nelle versioni originali, durante il concerto che la band terrà sabato in piazza San Domenico Maggiore. Un disco che già nel titolo racchiude il proprio senso. Un album che vuole essere biografico ed ecologico. Il video del singolo girato nelle sale del Museo, per la regia di Dagon Lorai, è stato realizzato con la collaborazione dell'associazione 'Scatola sonora' da cui ha preso vita il Progetto Sonora, la cui direzione artistica è affidata a Eugenio Ottieri. "In questa città - ha detto Ottieri, in riferimento  alla location utilizzata - si stanno iniziando a modificare  alcuni steccati che dividevano le espressioni artistiche". La scelta di girare il video nel museo e di sfruttare le opere d'arte, come sottolineato da Maurizio Capone "é stata presa per dimostrare che le forme d'arte si possono unire sebbene, per creare, si utilizzino strumenti diversi". Il Madre, dunque, non solo come luogo di "conservazione dell'arte - come detto dal direttore Edoardo Cicelyn - ma anche come luogo in cui si possono creare beni culturali perché un museo di arte contemporanea ha la necessità di dialogare con tutti gli artisti che, in tutte le forme, interpretano il nostro tempo". Ma Bio-Logic si propone di essere anche la ricerca di una ri-evoluzione nella consapevolezza che la musica è il miglior strumento per comunicare un concetto semplice: quello di mirare a una "crescita comune che passi attraverso l'ecologia e l'amore". Un disco che anche nella copertina, realizzata da Francesco Salvati, illustratore della Apple per programmi di grafica dell'iPad, porta delle novità: i cinque componenti della band, infatti, sono disegnati utilizzando il nuovo supporto che consente di disegnare con le dita, senza matite. Tra i brani riproposti, da ricordare, 'Project Revolution', inedito scritto da Capone e da Francesco Sondelli, per finanziare il lavoro e i progetti dell'associazione Manitese a favore dei bambini del rione Sanità e di Città del Guatemala. A chiudere la presentazione, l'esibizione dei bambini della 'Bum Bum Trakk', band di alunni del III Circolo di Sant'Antimo, nel Napoletano, dove Capone da anni svolge un laboratorio sulla costruzione e l'uso di strumenti fatti esclusivamente con materiali riciclati.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©