Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Il fatturato si attesta su 4,2 mld di dollari

Musica digitale: in crescita del 12%


Musica digitale: in crescita del 12%
21/01/2010, 22:01

Roma – La musica digitale cresce nel mondo del 12 percento con 4,2 miliardi di dollari di fatturato totale. E’ Lady Gaga con la canzone Poker Face, la più gettonata e scaricata con 9,8 milioni di download. Numeri e dati che arrivano dall’Ifpi, la federazione internazionale dell’industria discografica, che oggi ha presentato il rapporto 2010 sul mercato della musica digitale nel mondo. Secondo la federazione più di un quarto di tutti i ricavi delle case discografiche proviene ormai dai canali digitali, il fatturato dall’online  rappresenta il 27 per cento dei ricavi di tutta la musica venduta. Nel 2009 si registra un aumento del 10% delle vendite di singoli brani con 1,5 miliardi di unità; c’è stato un aumento del 20 per cento invece per gli album online scaricati, dati in crescita anche grazie all’introduzione di prezzi variabili e all’implementazione di DRM free download. Un’inversione di tendenza legata al cambiamento delle modalità di acceso alla musica: dall’offerta di contenuti associata ai servizi di connessione a banda larga, allo streaming, audio e video, internet e mobile, ai servizi di download gratuito supportati dalla pubblicità. Le aziende discografiche hanno stretto partnership commerciali con operatori che offrono servizi supportati dalla pubblicità come MySpace Music e We7; con gli ISP come TDC in Danimarca, Terra in Brasile e Sky nel Regno Unito; con gli operatori di telefonia mobile come Vodafone e i produttori di cellulari come Nokia e Sony Ericsson e con i canali di videosharing come YouTube, Hulu e Vevo. Tuttavia,  i dati in crescita del  mercato digitale non riescono ancora a compensare l’andamento negativo dei prodotti tradizionali: il fatturato totale della musica è sceso di circa il 30 per cento. Un dato dovuto anche alla pirateria che ha ridotto gli investimenti e i ricavi anche in mercati in cui era molto forte il repertorio locale, come Spagna, Francia e Brasile
 

Commenta Stampa
di Antonella Losapio
Riproduzione riservata ©