Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

A Materdei lo spettacolo di Rino Giglio e Mauro Palumbo

"Naplexpress Il Musical" ovvero la storia de 'O sole mio.... arriva al teatro Bolivar


'Naplexpress Il Musical' ovvero la storia de 'O sole mio.... arriva al teatro Bolivar
07/02/2013, 08:55

Naplexpress il Musical- ovvero la vera storia de ‘ O sole mio. E’ questo il titolo dell'atteso spettacolo musicale in due atti scritto e diretto  da Rino Giglio e Mauro Palumbo, in scena da questa sera fino a domenica nello storicizzato Teatro Bolivar. E così, grazie anche all’impegno di Sasà Palumbo, neo direttore artistico dello spazio di  Via Bartolomeo Caracciolo a Materdei, l’atteso Musical di Giglio ( il famoso autore e compositore partenopeo artefice di canzoni per Murolo, Buongusto Toquino e dello straordinario brano “Nu penziero” interpretato per la prima volta dall’indimenticabile Antonio Sorrentino) e di Palumbo ( il giovane ma già apprezzato autore di testi teatrali, cinematografici e musicali)  porterà al Bolivar una nuova e dirompente ventata artistica. Con le musiche di Salvatore Ferraiuolo ed una nutrita compagnia capitanata dai coinvolgenti cantanti ed attori Massimo Masiello e  Giorgio Pinto e completata da Antonio De Rosa, Gaetano Gaudiero, Francesco Boccia, Patrizia Zenga, Vincenzo De Lucia, Pasquale Minopoli, Dario Barbato, Antonio Spiezia, Giuseppe Madonna, Mariaelena Bianco, Marilena Allocca e Alessandra Venturini, insieme con il balletto e le coreografie di Massimiliano Balestra e la direzione scenica di Alessandro Giglio, “lo spettacolo - come  affermano gli autori-  nasce per celebrare il Maestro Eduardo Di Capua”. “Naplexpress... La vera storia de ‘o sole mio”- dichiarano Giglio e Palumbo- è un musical in due atti, che intende rappresentare un inno alla speranza. E' un'opera che vuole colpire diritto al cuore tutte le persone che ancora credono in un riscatto della città di Napoli, la stessa città che deve guardare al futuro con rinnovato entusiasmo, senza però troncare le radici della nostra secolare tradizione, teatrale e musicale. Naplexpress, insomma, è un'esortazione a non arrendersi davanti ai problemi del quotidiano, a tener duro, e a non gettar mai la spugna”. Per il pubblico, “Naplexpress... La vera storia de 'o sole mio” è un divertentissimo spettacolo teatrale e musicale. La costante scenica è un bus a due piani, il Naplexpress appunto, attorno al quale si sviluppano gli eventi: la strada entra a teatro, con le sue insidie ma anche con i suoi colori e la sua peculiare autenticità. La storia su cui si basa il lavoro narra delle vicende di Azzurra, un’insegnante di canto del Conservatorio San Pietro a Maiella, e di Massimo, un assistente amministrativo di cui la ragazza è segretamente innamorata. Insieme ad una delegazione di giovani artisti di Napoli, i due, si recano ad Odessa, una cittadina dell’Ucraina meridionale, per depositare un mezzo busto del Maestro Eduardo Di Capua, nel corso di una cerimonia commemorativa dell’autore della musica della celebre canzone “O sole mio”.  Un viaggio magico, questo, grazie al quale Napoli, la stessa delle “strade-foreste” ora luoghi di rifugio, ora scenario di perdizione, ritroverà la sua giusta dignità, ormai in pericolo per l’operato di amministratori senza scrupoli. Grazie all’amore dei suoi concittadini migliori, infine, Napoli sarà salvata da Napoli”. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati