Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Napoli : S.Messa per la Regina d'Italia e l'Arciduca d'Austria Otto


Napoli : S.Messa per la Regina d'Italia e l'Arciduca d'Austria Otto
05/08/2011, 13:08

Ieri sera, a Napoli, come ogni anno, l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus e Tricolore, associazione culturale, hanno commemorato la terza Regina d’Italia, Maria José del Belgio, nell’anniversario della nascita. Durante il Sacro Rito di suffragio si è pregato per l’Arciduca d’Austria Otto di Asburgo-Lorena, nel trigesimo del suo richiamo a Dio.

Presso l'Oratorio di San Filippo Neri, nella chiesa dei Girolamini, indossando i paramenti offerti alla chiesa dopo il loro matrimonio a Genova, nel 1832, da Re Ferdinando II e dalla Venerabile Regina Maria Cristina, Principessa di Savoia, il Rev. Preposto Padre Alessandro Marsano ha celebrato secondo il rito romano antico ed ha ricordato nell’omelia la consorte di Re Umberto II ed il Cavaliere nell'Ordine Supremo della SS.ma Annunziata, figlio del Beato Imperatore d'Austria Carlo I e della Serva di Dio Zita di Borbone di Parma.

Hanno aderito alla cerimonie l’Ambasciatore d'Austria presso la S. Sede, il Console Onorario d’Austria a Napoli, il Console Onorario d’Ungheria a Napoli, il Sindaco di Napoli, l’Opera Principessa di Piemonte.

Il Cav. Uff. Rodolfo Armenio ha letto i messaggi del Presidente della Regione Campania e dell’Arciduchessa d’Austria Catharina; il celebrante quello del Capo di Casa Savoia:

“A quanti sono riuniti oggi a Napoli per la Santa Messa in suffragio di mia Madre, S.M. la Regina Maria José, nel 105° Anniversario della Nascita, giunga il mio caloroso saluto.

Divenuta Regina d’Italia nel Maggio 1946, Maria José è ormai entrata nella storia della nostra Patria non solo in virtù del proprio ruolo dinastico, ma anche come Crocerossina esemplare ed instancabile, sostenitrice della libertà di pensiero e di espressione e dei diritti inalienabili di ogni uomo.

La presenza di mia Madre non si è esaurita con la sua scomparsa, perché attraverso il suo esempio ed il suo spirito di sacrificio, Ella continua a vivere nel ricordo giorno dopo giorno.

Elevo un commosso pensiero in occasione del trigesimo della scomparsa di S.A.I.R. l’Arciduca Ottone d’Asburgo - Lorena, Cavaliere dell’Ordine Supremo della Santissima Annunziata, che come mia Madre, fu un grande patriota e custode della libertà, nel solco di quello spirito di obbedienza e di Fede che ha fatto grande il nome di Casa Asburgo.

Desidero ringraziare l’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus e l’Associazione Culturale Tricolore per essersi fatti promotori di questa cerimonia, unitamente al Rev. Padre Alessandro Marsano, celebrante la Sacra Funzione. A Voi invio il mio più sincero saluto”. Vittorio Emanuele

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©