Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

NAPOLI 17 DICEMBRE: IL RE, L'ANGUILLA E LO CHAMPAGNE. IN ANTEPRIMA, LA CUVEE JOAQUIN VELY E LA CUCINA DELLE FESTE DI "A' TAVERNA DO RE"


NAPOLI 17 DICEMBRE: IL RE, L'ANGUILLA E LO CHAMPAGNE. IN ANTEPRIMA, LA CUVEE JOAQUIN VELY E LA CUCINA DELLE FESTE DI 'A' TAVERNA DO RE'
16/12/2008, 17:12

Mercoledì 17 dicembre alle 20,30, evento esclusivo "A Taverna Do Re": per la prima volta a Napoli si presenta lo Champagne Cuvèe Joaquin – Vely, prodotto da Pinot Noir, Pinot Meunier e Chardonnay dei vigneti di Ecueil, sulla Montagna di Reims, dipartimento della Marna. Il vino esprime al meglio il terroir da cui ha origine, Ecueil. L'impianto prevalente di Pinot Noir regala struttura e, con l'affinamento, colore giallo oro, al naso crosta di pane non completamente lievitato, fiori maturi. Con ingresso elegante, si fa apprezzare per un finale lungo e persistente. Partecipa alla serata il patron di Joaquin Vely, Raffaele Pagano Joaquin – Vely: storia recente di una volontà. Nella mente di Raffaele Pagano c' è sempre stata la determinazione a spingersi oltre i confini nazionali nella produzione di vini. L'occasione di cimentarsi con lo Champagne arriva per caso nel 2005. Durante un viaggio in Alsazia, Raffaele incontra Jean Marie e Yve Vely, piccoli vigneron ad Ecueil nella zona della Montagne de Reims in piena area di allevamento del Pinot Noir, l' anima delle "Bollicine Francesi". Subito fu intesa, da una parte la spinta a comprendere le assonanze, non solo fonetiche, tra la Campania e la regione dello Champagne, dall'altra, la voglia di aprire nuove strade distributive per i propri vini. Parte così nel 2005 il progetto di un grande - piccolo Champagne. Dopo attente valutazioni, insieme allo Chef de Cave della Maison Vely-Prodhomme, si capì quale poteva essere la Cuvée migliore. Nasce la Cuvée Joaquin-Vely, le prime bottiglie arrivano in Italia nel Novembre 2006 in appena 1200 esemplari, tutti immediatamente venduti ad amici ed appassionati. Da allora si continua su questi numeri, privilegiando il rapporto con "Enoteche e Buona Ristorazione" sicuramente il veicolo migliore per parlare di un'idea, di un viaggio. Per l'occasione lo Chef Francesco Parrella ha preparato un menù natalizio dai sapori tradizionali con vaghe e curiose rivisitazioni.

 

Quota di partecipazione € 38,00, sconto soci Ais 10%

Solo su prenotazione 081.5522424, info@atavernadore.it

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©