Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Napoli: 200 esperti si riuniscono per una due giorni di approfondimenti sul dolore oncologico e BTcP


Napoli: 200 esperti si riuniscono per una due giorni di approfondimenti sul dolore oncologico e BTcP
15/06/2011, 11:06

6 pazienti su 10 convivono, per tutto il corso della malattia, con il dolore episodico intenso (Breakthrough cancer Pain): caratterizzato da rapida insorgenza, intensità severa, breve durata e che crea pesanti ripercussioni a livello fisico, psicologico e sociale.

Presso il Museo Diocesano, oggi e domani, oltre duecento medici specializzati si incontrano, grazie al contributo non condizionato di Grünenthal, per fare il punto su un tema ancora sottovalutato ma di grande impatto sul paziente e sulla società italiana. “Scopo di questo corso è di inserire un aggiornamento sulle novità in tema di trattamento del Breakthrough cancer Pain nel più ampio panorama del trattamento farmacologico con oppioidi del dolore oncologico. La valutazione e la terapia del BTcP infatti devono essere considerati parte della strategia di trattamento del dolore oncologico.” ha dichiarato Augusto Caraceni, Direttore Struttura Complessa Cure palliative, Terapia del Dolore e Riabilitazione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Vicepresidente Società Europea di Cure Palliative e Vicedirettore Centro Europeo di Ricerca in Cure Palliative. A questo scopo si farà riferimento alla revisione delle linee guida della EAPC per l’uso degli oppioidi nel dolore oncologico. “La farmacologia clinica degli oppioidi applicata a casi clinici permette di comprendere come il dolore nel malato oncologico ha dignità di una patologia a sé e merita una comprensione e una applicazione specialistica soprattutto quando le opzioni terapeutiche si fanno più complesse e i sintomi più difficili. Solo la competenza di ognuno e la collaborazione multidisciplinare tra specialisti oncologi, terapisti del dolore, palliativisti e infermieri può dare risposte adeguate al dolore. Ma la cura del dolore in questi malati non può essere vista in modo isolato; il dolore non va mai interpretato solo secondo la visuale del dolore fisico, si tratta infatti di un “dolore totale” che richiede continuità di cure e multiprofessionalità nel contesto offerto dalle cure palliative.” Conclude Caraceni.

L’episodio di BTcP ha un decorso temporale limitato, con un picco dell’intensità a 3 minuti dall’insorgenza, una durata media di 30 minuti, ma inferiore a un’ora nel 90% degli casi, e una frequenza media giornaliera di 1-4 episodi: da Maggio è disponibile anche nel nostro Paese un’innovativa formulazione di fentanyl con somministrazione intranasale, la prima in grado di rispecchiare l’andamento temporale di questo dolore episodico intenso.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©