Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Napoli, apre i battenti la 4° edizione di Gamecon


Napoli, apre i battenti la 4° edizione di Gamecon
18/09/2009, 16:09


Si è aperto oggi con le prime sfide ai videogame, giochi da tavolo e giochi di ruolo, la IV edizione di Gamecon - Salone del Gioco e Videogioco, che si svolgerà a Napoli fino a domenica sera a a Castel Sant’Elmo.
Cominciate le sfide per i tornei di Pes 2009 (che assegnano un posto alle finali mondiali di specialità a Colonia), Fifa, Asphalt 4 e Starcraft: Brood War. Molti gli appassionati e i neofiti che si stanno già sfidando anche ai giochi tradizionali, come il calcio da tavolo e gli scacchi.
Intanto, nelle sale del castello, i gruppi di rievocazione e simulazione storica si preparano per l’assalto al castello, un immaginario attacco ambientato nel XV secolo in programma domani pomeriggio alle 15 e che verrà replicato anche domenica alla stessa ora. “All’assalto – spiega Marco De Filippo, organizzatore dell’evento insieme a Livio Buonanno – parteciperanno oltre cento persone, divise tra assediati e assedianti. L’assalto comincerà con gli assedianti che con gli scudi attraverseranno il ponte levatoio formando una testuggine e poi cercheranno di sfondare un finto portone con l’ariete, mentre gli assediati li bersaglieranno con frecce e pietre. Da quel momento partiranno poi i duelli all’arma bianca”. Tutto l’evento si svolgerà con armi e armature di sicurezza. Ma i visitatori di Gamecon potranno tornare indietro nel tempo in prima persona partecipando (dalle 17) al “Torneo in armatura”: “Una sfida – spiega De Filippo – in cui forniamo ai visitatori armature e spade di sicurezza: ci aspettiamo sfide tra genitori e figli, mogli e mariti, tutti appassionanti e nella massima sicurezza. Oggi a Castel Sant’Elmo il viaggio indietro nel tempo ha coinvolto anche i videogame con la tavola rotonda sui “Retro Games”, videogiochi d’antan riproposti con la grafica e i mezzi tecnologici di oggi. Presentato anche Boh, un videogame d’azione “old style” realizzato da Simone Bevilacqua, giovane sviluppatore di Campobasso.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©