Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

NAPOLI CAPITALE DELLA BOMBONIERA. LA RASSEGNA REGISTRA 25.000 PRESENZE E 300 MILIONI DI FATTURATO IN CAMPANIA


NAPOLI CAPITALE DELLA BOMBONIERA. LA RASSEGNA REGISTRA 25.000 PRESENZE E 300 MILIONI DI FATTURATO IN CAMPANIA
14/10/2008, 10:10

 

Presenze record alla settima edizione di Vebo, il salone della bomboniera, articolo da regalo, argento e complementi d’arredo, organizzato da Luciano Paulillo e Bruno Formosa, che si è svolta nel quartiere fieristico della Mostra d’Oltremare di Napoli. Sono state ben 25mila le presenze nella quattro giorni espositiva dedicata agli operatori di settore provenienti da tutta Italia e dall’estero.
 
Al Salone, dove hanno esposto oltre 250 aziende in rappresentanza di circa 800 marchi, hanno partecipato in qualità di testimonial molti personaggi dello showbiz. Da Fabrizio Corona a Katia Ricciarelli, dai professori di “Amici”, Grazia Di Michele e Fabrizio Palma, a Federico Angelucci vincitore del programma per l’edizione 2007, ma anche la concorrente napoletana del Grande Fratello dello scorso anno Raffaella Fico e il cantante Peppino di Capri.
 Molte le griffe che affiancano linee di bomboniere, da Najo Oleari a Marta Marzotto, da Coveri a Soprani, il tutto a dimostrare dell’ottima salute economica del segmento produttivo. Sono infatti i dati a parlare: 750 milioni di fatturato in Italia con circa 1.500 aziende produttrici per un volano di circa 30.000 lavoratori impegnati (dati Istat e FIRB – federazione di categoria).
 
Nella sola Campania, locomotiva economica del settore, il fatturato tocca i 300 milioni di euro annui grazie alla presenza del 40% dei produttori. Ma la parte del leone tocca a Napoli e provincia che rappresenta di questo fatturato regionale ben l’85%. Soddisfazione giunge anche dall’Assessore al Turismo, Commercio ed Artigianato della Provincia di Napoli, Giovanna Martano, che ha partecipato ad un incontro con i produttori dichiarando: “Invito i produttori di Napoli e Provincia a formare un consorzio che possa consolidare una realtà economica forte come poche altre rappresentate nella nostra regione. Rispondo sempre con entusiasmo alle imprese artigiane che con molta difficoltà cercano di emergere nel panorama nazionale ed internazionale”.
 
Già in programma, da parte del comitato espositori Vebo, una campagna di promozione del settore e dello stretto legame artigianale e qualitativo del prodotto che promuove, all’estero, il brand “made in Italy”. Caterina Balivo, scelta dal Comitato Espositori Vebo, ha accettato l’incarico di rappresentare per oltre un anno (13 mesi) il ruolo di ambasciatrice per promuovere e diffondere il messaggio di questo valore simbolico legato alla bomboniera dichiarando:
“Sono molto contenta di promuovere un settore che vede la mia regione natia capofila di un segmento produttivo – ha affermato la conduttrice - ma ancor di più di essere testimonial di una campagna di promozione di un oggetto legato ai ricordi, alle emozioni ed ai momenti belli della vita”.   
 
 Soddisfatto dal bilancio annuale della fiera anche Lucidano Paulillo: “Credo di poter dire senza timori che stiamo procedendo nella direzione migliore, la crisi del settore è alle spalle, ma ora bisogna lavorare bene per il prossimo anno. Con i fondi raccolti dal comitato espositori Vebo sosterremo una campagna per promuovere sia il valore della bomboniera sia il made in Italy”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©