Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Al Maschio Angioino la presentazione della decima edizione

Napoli: Domani conferenza stampa sulla Giornata Mondiale dell'Atassia


Napoli: Domani conferenza stampa sulla Giornata Mondiale dell'Atassia
21/09/2010, 16:09

NAPOLI - Presso l'Antisala dei Baroni del Maschio Angioino, domani, ore 13, saranno presentate alla stampa le manifestazioni organizzate in occasione della Giornata Mondiale dell'Atassia, e la decima edizione della gara podistica Caracciolo Gold Run. Parteciperanno l'assessore al Turismo e Grandi Eventi Maria Grazia Pagano e l'assessore allo Sport Alfredo Ponticelli.
Sarà questa l'occasione per presentare un progetto che consiste nella realizzazione del primo Centro Europeo Atassie che sorgerà ad Aprilia LT e di un centro socio-assistenziale e di fisioterapia per affetti da atassia in Campania, il Progetto HAF (Home-Ataxia-Family): una struttura che prevederà anche aree residenziali per poter accogliere ragazzi lasciati soli e gravemente colpiti dalla patologia in questione.
In Italia per tutto il mese di settembre, sono state organizzate, in collaborazione con gli enti che affiancano l’evento, una serie di iniziative collegate alla giornata del 25 Settembre: eventi musicali, culturali, sportivi, di sensibilizzazione, volte tutte alla diffusione, alla conoscenza e alla prevenzione delle sindromi atassiche che, solo nel nostro paese, colpiscono più di 5000 persone, con un range di età compreso tra i 2 e i 70 anni.
La Giornata Mondiale dell'Atassia sarà celebrata in tutte le piazze italiane e del mondo, a Napoli si svolgerà a Piazza Trieste e Trento angolo Piazza Plebiscito. Ci sarà un punto informativo dove volontari distribuiranno volantini riguardanti la malattia. A tutti i cittadini che contribuiranno alla raccolta fondi, a partire da questo anno e in collaborazione con la ZENO fiori nel mondo, l'A.I.S.A. (Associazione Italiana per la lotta alle Sindromi Atassiche) sez. Campania, offrirà una tenera piantina rappresentante la malattia. Da questo simbolo i pazienti, le famiglie, i ricercatori ed i volontari, potranno trarre nuova forza per la lotta contro questa terribile malattia, che li vede guerrieri ogni giorno.

Commenta Stampa
di Caterina Cannone
Riproduzione riservata ©