Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Napoli e la scomparsa delle "botteghe storiche"

A rischio di chiusura anche la libreria Guida a Port’Alba

Napoli e la scomparsa delle 'botteghe storiche'
19/10/2013, 12:08

NAPOLI - ll problema della graduale scomparsa delle  “botteghe storiche” a Napoli, viene sollevato da anni ogniqualvolta sta per chiudere qualche esercizio pubblico o qualche libreria, presenti da lustri sul territorio, ma poi, passato il momento, sulla vicenda cala il più assoluto silenzio.  Occorrerebbe invece che la Regione Campania finalmente si decidesse a legiferare in materia di tutela e valorizzazione dei locali storici, con particolare riferimento ad alberghi, ristoranti, trattorie, osterie, caffetterie e librerie. La questione è stata ampiamente dibattuta sul piano giuridico, con sentenze della Corte Costituzionale, chiamata in causa anche all’atto dell’emanazione di un’apposita legge della Regione Lazio. L’attuale tendenza è quella di considerare legittimi tali tipi d’intervento che, peraltro, prevedono apposite provvidenze economiche. Altre regioni italiane, la prima delle quali fu il Piemonte, negli anni ’90 avevano già affrontato il problema. Nelle norme varate non solo si prevedeva che i Comuni si attivassero per disegnare le mappe attraverso i censimenti di tali attività, ma venivano anche stanziati fondi a disposizione dei proprietari o dei gestori per interventi tesi alla tutela, al restauro ed alla valorizzazione dei locali storici. La Regione Campania ed il Comune di Napoli, invece, marcano, anche rispetto a questo problema, forti ritardi, contribuendo così alla perdita di pezzi importanti della storia partenopea, come hanno dimostrato recenti vicende alla ribalta delle cronache, come la notizia che circola in questi giorni della prossima chiusura, dopo quasi un secolo di vita, della libreria Guida a Port’Alba, notizia che sta destando malumori e malcontento tra i numerosi affezionati alla storica libreria, peraltro punto di riferimento culturale importante per tutta la Città.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©