Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Napoli, finissage della mostra “In_divenire”


Napoli, finissage della mostra “In_divenire”
17/03/2011, 11:03

Movimento Danza di Gabriella Stazio e Marco Abbamondi insieme in occasione del “finissage” della mostra In-divenire Colonna Gallery, danza e arte con “Body Exposition”  Colonna Gallery Piazza Amedeo 16 L, passeggiata colonna, Napoli (Chiaia) Venerdì 18 marzo 2011 ore 19.00 In collaborazione con: Movimento Danza , Sabina Albano  Modartgallery Coreografia: Gabriella Stazio Musiche originali: Luigi Stazio Con: Maria Laua Baldascini, Valeria D’Antonio, Carmen Giuliano,  ariateresa Iazzetta, Agnese Viviana Perrella Opere: Marco Abbamondi In occasione del finissage della mostra “In_divenire”, Movimento Danza di Gabriella Stazio presenta “Body Exposition” con il Performing Arts Group nello stesso spazio che ha ospitato la personale dell’artista Marco Abbamondi nelle ultime due settimane. Per circa quindici minuti la tridimensionalità dei quadri troverà respiro nel corpo di questi artisti, rappresentazione scenica di una realtà in perenne mutamento. Dalla “tela” al corpo, l’arte che cambia, muta forma senza perdere intensità nel suo messaggio. “Body Exposition” è l’esplorazione del corpo del danzatore, la sua esposizione, la sua installazione nello spazio che diviene essa stessa narrazione. Questa coreografia, presentata da Gabriella Stazio nel 1995 al Dublin Theater Festival (le valse, insieme a Kendang, L’heure du berger e La follia di Spagna, il Sunday Tribune Haward come migliore spettacolo dell’anno), sarà messa in scena in una breve suite da Maria Laura Baldascini, Valeria D’Antonio, Carmen Giugliano, Mariateresa Iazzetta, Agnese Viviana Perrella. Non solo il monologo dell’artista, ma anche dialogo fra arte scenica e arte plastica, esigenza di continua sperimentazione fra le molteplici dimensioni dell’ arte,interpretata come “trasformazione”, “cammino” verso una meta che all’inizio del viaggio è ancora ignota e per questo densa di infinite possibilità da esplorare.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©