Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Occasione per analizzare la situazione culturale attuale

Napoli, Museo Madre: presentazione del catalogo della mostra Eruption Napoli/New York


Napoli, Museo Madre: presentazione del catalogo della mostra Eruption Napoli/New York
09/11/2010, 12:11

“Napoli non è che è nata, Napoli è sempre stata, Napoli è come una cosa…non è che nasce, è là da sempre, Napoli ha tremila anni di energie, di culture. Non è che l’abbiamo fatta nascere, noi abbiamo semplicemente sviluppato un progetto per inserire Napoli all’interno di un circuito internazionale di cultura. Oggi paradossalmente possiamo dire che Napoli è capitale e Parigi non lo è più, mentre lo è ancora New York”. Con queste parole Lucio Amelio descriveva Napoli al giornalista Dino Luglio nel 1985. Oggi, 25 anni dopo, l'associazione culturale Sabu, veicolo del progetto Largo Baracche, si fa carico delle intuizioni del seminale gallerista napoletano per portare avanti un'idea di progettazione artistica legata al territorio ma al contempo proiettata verso l'esterno. Per capire come, il Museo Madre ospita giovedì 11 novembre alle ore 17 la presentazione del catalogo della mostra Eruption, Napoli/New York, tenutasi lo scorso gennaio a Manhattan. Frutto della collaborazione con la galleria newyorkese White Box, la mostra ha visto gli artisti della scuderia di Largo Baracche (Mary Cinque, Emmanuele De Ruvo, Corrado La Mattina, Pino Pipoli, Elpidio Ziello e Elio Varuna) confrontarsi con la città americana, tentando di coniugare le idee di arte e territorio nel concetto unificante di eruzione inteso come una rumorosa uscita allo scoperto, violenta ma necessaria. Il catalogo testimonia questo viaggio, avvalendosi nelle prime pagine delle parole di Lucio Amelio, con un testo che mette in relazione la turbolenta spazialità labirintica di Napoli alla frenetica vitalità di New York, e utilizzando le immagini dell'esperienza americana per descrivere il percorso tracciato dagli artisti. La discussione sarà un'occasione per analizzare la situazione culturale attuale di Napoli, e per capire se, dopo il “Terrae motus” sotterraneo e frastagliato di 30 anni fa, sia arrivato oggi il momento di una liberatoria “Eruzione” creativa. Tra gli artisti interverranno Mary Cinque, Emmanuele De Ruvo, Corrado La Mattina e Elio Varuna.  Moderano il dibattito Mario Franco, Giuseppe Ruffo, Pietro Tatafiore, Aurosa Alison e Chiara Minieri.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©