Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Napoli, Natale dei re a Palazzo Reale


Napoli, Natale dei re a Palazzo Reale
27/12/2010, 16:12

Per iniziativa dell'Assessorato al Turismo e ai Beni Culturali della Regione Campania, della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Campania e della Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici ed Etnoantropologici per Napoli e Provincia, il Museo di Palazzo Reale - in occasione delle festività natalizie - apre le porte alla tradizione napoletana che riconosce il suo elemento cardine nel presepe.  Centro ideale della serie di eventi proposti è quindi il Presepe del Banco di Napoli, tra i più prestigiosi e completi della città, esposto nella Cappella Palatina di Palazzo Reale. Attorno ad esso saranno riproposti i canti della tradizione popolare, accompagnati dal suono di ciaramelle e tammorre, mentre abili artigiani mostreranno al pubblico le tecniche di lavorazione antiche e moderne del presepe tradizionale e l’evoluzione di un genere nel quale trova spazio anche l’innovazione. Gli eventi si svolgono domenica 26 e martedì 28 dicembre 2010, domenica 2, mercoledì 5 e giovedì 6 gennaio 2011. In un ideale gioco di contrasti tra musica colta, presentata dai Complessi Artistici del Teatro di San Carlo, e quella popolare, realizzata dal Triotarantae, trovano spazio nel Teatro di Corte, di recente riaperto al pubblico, nel Salone d’Ercole e Cappella Palatina di Palazzo Reale. Come degna conclusione del percorso musicale della serata del 28 dicembre (martedì dell'arte con ingresso gratuito ai musei) il Foyer ed il Ridotto del Teatro San Carlo ospiteranno, nell’ambito di “Notte al San Carlo”, un’ampia selezione di brani vocali legati alla tradizione natalizia e di composizioni strumentali celebri. L'organizzazione dell'intero evento è stata curata di concerto dal Direttore Regionale Gregorio Angelini, dal Sovrintendente del San Carlo Rosanna Purchia, dal Soprintendente per i Beni Architettonici e Storico-Artistici Stefano Gizzi e dal Direttore del Museo Gina Carla Ascione.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©