Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Napoli, presentazione libro Giuseppe Gambale - «Solo per ingiustizia»


Napoli, presentazione libro Giuseppe Gambale - «Solo per ingiustizia»
09/04/2011, 11:04

Presentazione del libro di Giuseppe Gambale SOLO PER INGIUSTIZIA lunedì 11 aprile 2011 alle ore 17,00 presso l’Associazione Oltre il Chiostro  Piazza Santa Maria la Nova, 44 Napoli Ne discutono con l’autore: Maurizio Belpietro, direttore quotidiano «Libero» Vincenzo Siniscalchi, avvocato penalista, patrocinante in Cassazione Claudio Velardi, imprenditore, editore e politico Coordina: Gianluca Abate, giornalista È il 17 dicembre del 2008 quando scoppia il caso “Global Service”.

Vengono emesse 13 ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari e una in carcere per l’imprenditore Alfredo Romeo. Scoppia la bufera mediatica. Dopo soli due mesi le richieste di rinvio a giudizio per tutti gli indagati e il 9 marzo 2009 l’inizio del processo con rito abbreviato dinanzi a Enrico Campoli, giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Napoli.  È il 19 marzo del 2010 quando viene emessa la sentenza di assoluzione con formula piena «perché i fatti non sussistono».

Un’inchiesta della Procura napoletana, definita «chimerica» nella sentenza di Campoli, che ripropone con grande attualità il tema delle intercettazioni e del rapporto tra media e giustizia.

Un libro-verità in cui si ripercorrono tutte le tappe di un’assurda vicenda giudiziaria: dai giorni trascorsi da Gambale agli arresti domiciliari fino al processo e all’assoluzione, nella cui motivazione si legge, tra l’altro: «… L’intervento del Gambale presso il Romeo era stato svolto per l’assunzione di due persone […] senz’altro bisognose di un aiuto, con ciò dimostrandosi che la riconducibilità dell’agire era svincolato da qualsiasi controprestazione, ma andava ad inserirsi in un contesto “pulito”, addirittura encomiabile».

Le emozioni, i ricordi, la storia degli anni vissuti dall’autore nelle istituzioni.  E ancora l’amicizia con Alfredo Romeo, i fatti oggetto dell’inchiesta, analizzati e scandagliati capillarmente, le contraddizioni e le ombre, le tante domande ancora senza risposta.

Giuseppe Gambale, napoletano, è medico e cardiologo.

Esercita la libera professione ed è specialista ambulatoriale presso la Asl Roma B. Ha 47 anni, è sposato e ha due figli. È stato eletto quattro volte deputato al Parlamento ed è stato sottosegretario alla Pubblica Istruzione nel II governo D’Alema e nel II governo Amato. È stato consigliere comunale a Napoli e a Castellammare di Stabia e assessore all’educazione, trasparenza e legalità nella II giunta Iervolino. Ha fatto parte della Commissione parlamentare Antimafia e ha ricoperto vari incarichi politici e istituzionali, figurando tra i promotori del “Comitato Scienza e Vita”. Il suo impegno si è sempre caratterizzato per la lotta alle mafie e per la legalità, a favore della famiglia e dei soggetti più deboli.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©