Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Napoli, quando l’arte incontra la pasticceria natalizia -video

L’atelier di Esposito ospita il pastry chef Di Costanzo

.

Napoli, quando l’arte incontra la pasticceria natalizia -video
06/12/2018, 14:38

NAPOLI - Una cornice d’eccezione per un’innovativa linea di pasticceria natalizia: è stato il laboratorio-atelier di Lello Esposito, in vico San Domenico Maggiore, ad ospitare la presentazione dei dolci di Natale 2018 di Mario Di Costanzo.

L’evento si è svolto in quelle che furono le scuderie del Principe di Sansevero e ha visto il giovane pastry chef protagonista di una conferenza stampa incentrata sulla degustazione guidata delle sue creazioni natalizie.

Il taste show ha avuto inizio con la descrizione e l’assaggio dei panettoni artigianali che comporranno il segmento dei lievitati, novità del Natale 2018.

Due le varianti proposte: la versione classica con uvetta e arancia e una versione con albicocca pellecchiella del Vesuvio e pistacchio di Bronte.

Entrambe le versioni sono accomunate dall’uso di soli ingredienti italiani, in ossequio alla teoria del Km buono, e da una lavorazione fedele ai canoni della produzione artigianale.

Il momento centrale della degustazione è stato poi dedicato allo Struffolo Bianco, altra novità del Natale 2018.

“Lo Struffolo Bianco è una torta che identifica bene il mio stile e quindi la mia idea di reinterpretare la tradizione in chiave contemporanea” ha sottolineato Mario Di Costanzo. Che ha aggiunto: “Gli struffoli sono bianchi e morbidi e rappresentano il vestito di un mix fatto di Pan di Spagna, cremoso alla cannella, mousse al cioccolato con coriandolo e pisto e scorzette di arance candite”.

La degustazione guidata è stata completata poi dall’assaggio della Cassata Nera, un dolce diventato ormai un autentico marchio di fabbrica del maestro pasticciere della Sanità.

La presentazione dei dolci natalizi di Mario Di Costanzo è stata accompagnata da una selezione di vini curata da Francesco Mandolese, wine consultant dell’Enoteca Mandolese.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©