Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Salta la prima al teatro, De Magistris polemico

Napoli, Rea e il lavoratori del San Carlo contro il Sindaco

Il segretario della Uil: Urge impegno delle amministrazioni

Napoli, Rea e il lavoratori del San Carlo contro il Sindaco
30/09/2013, 12:26

NAPOLI. Salta la prima al San Carlo con i lavoratori del teatro in protesta contro Luigi De Magistris. "Far saltare la prima al San Carlo è stato un errore". Lo ha dichiarato il Sindaco di Napoli che ha poi continuato:"Le battaglie giuste si portano in palcoscenico con forza e dignità, si affrontano uniti. La critica giusta a un provvedimento del Governo è apparsa solo come un danno alla città".

Lo spettacolo avrebbe dovuto svolgersi davanti al Presidente della Repubblica, ma i lavoratori hanno deciso di portare avanti la protesta contro il decreto "Valore Cultura".

"Il sindaco prima di bacchettare si dovrebbe passare la mano sulla coscienza, come direbbe il cardinale Sepe". Piuttosto forti le parole del segretario campano della Uil, Anna Rea, che ha spiegato che sabato mattina sindacati e lavoratori hanno lavorato a lungo per trovare una soluzione e per mettere in atto proteste diverse, ma non è stato possibile. "Il decreto penalizza i lirici e il San Carlo in particolar modo, che fa sacrifici da anni. I lirici e tutti i lavoratori fanno sacrifici, se pensate che nel periodo della ristrutturazione, continuavano a fare le prove e le varie cerimonie. Il sindaco smetta di lanciare anatemi. Lo sciopero - ha continuato il Segretario Rea - dovrà finire, ma con un impegno chiaro e forte, da parte del Sindaco, della regione, che pure ha messo in gioco risorse importanti per 5 anni e che deve portare la voce dei lavoratori al Governo e al Ministro".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©