Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Roadshow con le biciclette elettriche in città

Napoli, settimana UNESCO per la mobilità


Napoli, settimana UNESCO per la mobilità
08/11/2010, 15:11

Gli Assessorati all'Ambiente e alla Mobilità Urbana del Comune di Napoli, in collaborazione con l'ANEA, Agenzia Napoletana Energia Ambiente, nell’ambito della Settimana Unesco di Educazione allo Sviluppo Sostenibile, dedicata quest’anno al tema della mobilità, organizzano il 10 novembre a Piazza Dante, dalle 9:00 alle 18:00, il primo Energy day napoletano. Da non perdere, la prova gratuita, per chiunque ne fosse interessato, di biciclette a pedalata assistita (Go Pedelec!), lungo un circuito predefinito e l’esposizione di tecnologie per lo sviluppo sostenibile.
Pedelec, (Pedal Electric Cycle) o bicicletta a pedalata assistita, è una particolare tipologia di velocipede dotata di motore elettrico che accompagna la pedalata del ciclista, rispettando l’ambiente. La piazza sarà popolata da un nutrito numero di imprese manutentrici di caldaie, di installatori di pannelli solari e fotovoltaici, che parteciperanno all’iniziativa con stands espositivi dei propri prodotti, offrendo consulenza e informazioni tecniche ai cittadini. Obiettivo della campagna di sensibilizzazione, incentrata sul tema del risparmio energetico, consta nella promozione delle buone pratiche della “Green Economy” e nella soddisfazione delle esigenze di mobilità delle società contemporanee. “L'obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica sui vantaggi dell’utilizzo dei veicoli elettrici, al fine ridurre sensibilmente le soglie di rumore nelle aree urbane, le emissioni di gas nocivi nell’ambiente, ottenendo un sicuro miglioramento della qualità di vita di tutti i cittadini”, afferma l’Assessore all’Ambiente Nasti. L’iniziativa rientra, inoltre, in “100 Piazze per il clima. In marcia per le energie pulite e sicure”, promossa da Legambiente e dalle principali organizzazioni ambientaliste, per lo sviluppo dell’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili in Italia.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©