Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

NAPOLI, SI ALZA IL SIPARIO AL TEATRO BOLIVAR


NAPOLI, SI ALZA IL SIPARIO AL TEATRO BOLIVAR
13/10/2008, 17:10

Il Teatro Bolivar, perla del rinnovato quartiere di Materdei alza il sipario sugli spettacoli che comporranno la prima parte della stagione teatrale che partirà dal prossimo fine settimana ed arriverà fino alla fine di gennaio attraversando un percorso che vuole valorizzare al meglio la tradizione e la cultura della città di Napoli presentando artisti e spettacoli dal grande sapore partenopeo. Dopo il preludio musicale di Mario Cavallini, il prossimo 18 ottobre sarà in scena “In…canto napoletano”, un omaggio a Napoli che vedrà in scena Miriana e Mario Aterrano. Il 25 ottobre sarà invece il turno de “I senza nome” con “C’era una volta Napoli”, un viaggio alla scoperta della Napoli che fu attraverso canzoni, gags ed interpretazioni che fanno parte del più puro folklore cittadino. Corrado Taranto sarà invece la star dello spettacolo “Differenziato” in scena l’1 e 2 novembre dove l’artista proporrà ancora una volta il suo modo classico di fare spettacolo attraverso non solo la comicità che da sempre contraddistingue i suoi lavori ma anche pezzi cantati omaggiando stelle come Fossati o Jovanotti. Il 7 novembre la serata sarà totalmente dedicata al grande Eduardo De Crescenzo con uno spettacolo tributo che ripercorrerà la sua gloriosa carriera, mentre l’8 e il 9 novembre si darà di nuovo spazio alla classicità napoletana con Mario Maglione in “Napoli in smoking” dove l’eleganza del maestro Maglione ripercorrerà il vasto repertorio della canzone napoletana. Ancora grande teatro con lo spettacolo degli Agorà “…E se fosse un condominio normale?” ricco di umorismo e comicità, dando poi spazio ancora alla musica partenopea grazie ad una serie di spettacoli imperdibili: il 21 novembre con il Maestro Desideri e il 22 e 23 novembre con i Cimarosa in concerto. Il 28 novembre si darà invece spazio alla magica musica dei Beatles con uno spettacolo che presenterà i pezzi più famosi dell’indimenticabile band di Liverpool, ritornando poi alla tradizione napoletana con artisti come Gaetano Maschio il 29 novembre e Luigi Libra il 5 dicembre. Dal 6 all’8 dicembre sarà invece una regina della musica napoletana tradizionale e contemporanea ad offrire la sua ugola d’oro al pubblico del Bolivar: Maria Nazionale sarà in scena con “Puorteme a cammenà”, un viaggio attraverso le più note canzoni del panorama classico e la presentazione del suo ultimo lavoro dopo i recenti successi cinematografici che l’hanno vista sfilare anche sul tappeto rosso di Cannes. Di respiro internazionale lo spettacolo in scena il 13 e il 14 dicembre grazie ad una compagnia americana che proporrà un adattamento del celebre musical Footloose in un adattamento in lingua originale. Un nuovo tuffo nella magia di Napoli dal 26 dicembre con lo spettacolo “Napoli mediterranèa” e con il concerto di Franco Cipriani il 28 dicembre, mentre dal 3 al 6 gennaio si respirerà ancora aria natalizia grazie alla versione della compagnia “Scugnizzi ‘e mò” di “Natale in Casa Cupiello”, una delle più amate commedie di Eduardo. Il 10 e 11 gennaio saranno serate musicali all’insegna della canzone napoletana con un protagonista d’eccezione, Mariano Apicella, mentre il 24 e 25 gennaio tornano in scena i “Senza nome” con lo spettacolo “Li nepute de lu sinneco”. A chiudere la prima parte della stagione del Teatro Bolivar, dal 28 al 31 gennaio ci sarà il Festival Internazionale della Canzone Napoletana ed Italiana, un’occasione per apprezzare le esibizioni di cantanti emergenti che spesso non hanno nulla da invidiare ai professionisti del settore già affermati. Una stagione ricca di teatro ma incentrata particolarmente sulla musica, elevando la cultura napoletana musicale attraverso le esibizioni di grandi artisti. Un ruolo importante quello del Teatro Bolivar, una fabbrica di cultura che rilancia uno dei quartieri difficili della nostra Napoli attraverso l’arte tradizionale.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©