Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Napoli, soirèe musicale a Palazzo Reale

"Musica nei Giardini" prosegue anche nel mese di luglio

Napoli, soirèe musicale a Palazzo Reale
28/06/2011, 11:06

Martedì 28 giugno, porte aperte al pubblico per una soirée musicale a Palazzo Reale di Napoli. Alle ore 21.00, il Giardino Romantico -da poco restaurato- ospita l'Ensemble dei primi Fiati del San Carlo, diretto da Maurizio Agostini, per un programma dedicato a Charles Gounod con Petite Symphonie per strumenti a fiato, Wolfgang Amadeus Mozart con Serenata in do minore Kv 388 per strumenti a fiato, Gioachino Rossini con le ouverture da L'Italiana in Algeri e Il barbiere di Siviglia, e Astor Piazzolla con Libertango. Il concerto, ad ingresso gratuito nell'ambito dell'iniziativa del MiBac “I Martedì in arte”, è prodotto dal Teatro di San Carlo per il ciclo “Musica nei Giardini” della Stagione Estiva 2011, in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artisti ed Etnoantropologici di Napoli e Provincia, e la Regione Campania per il progetto “Arte nei Giardini”.



Il concerto del San Carlo sarà preceduto dall'incontro-recital con il pianista Paolo Restani (Teatrino di Corte, ore 19.00). Alternando l'esecuzione di brani di Franz Liszt (Klavierstucke, Studi Trascendentali e Rapsodia Spagnola), in una sorta di talk show il presidente dell'Accademia Musicale Napoletana, Massimo Fargnoli, intratterrà il pubblico insieme con Restani, illustrando la genesi e gli sviluppi della grande Scuola Pianistica Napoletana. L'evento è realizzato in collaborazione tra Palazzo Reale e la Steinway & Sons, attraverso la Ditta Alberto Napolitano con il contributo di Cariparma Crédit Agricole.



La soirèe musicale, primo dei quattro eventi del ciclo “Musica nei Giardini” dell'Estiva del San Carlo, segna il rinnovato sodalizio tra Palazzo Reale e il Lirico di Napoli, uniti per un progetto culturale promosso dai rispettivi soprintendenti Stefano Gizzi e Rosanna Purchia. Ad illustrare i contenuti dell'iniziativa, il direttore del Museo di Palazzo Reale, Gina Carla Ascione: “A partire dal mese di settembre 2010 e fino al prossimo dicembre, i principali musei italiani, nell'ambito dell'iniziativa del MiBac “I Martedì in arte”, gareggiano nel presentare eventi che coinvolgano il pubblico durante le aperture serali (ultimi martedì del mese dalle 19,00 alle 23,00). Il Palazzo Reale di Napoli, grazie al contributo di numerosi Enti, che hanno collaborato e collaboreranno alla realizzazione di iniziative in una sorta di “volontariato culturale”, nella serata del 28 giugno potrà offrire gratuitamente uno straordinario incontro-recital nel Teatro di Corte, promosso dalla Ditta Alberto Napolitano e realizzato dall'Accademia Musicale Napoletana, con il maestro Paolo Restani su musiche di Franz Listz, cui seguirà la magica serata offerta dalla Fondazione del Teatro di San Carlo nel Giardino Romantico appena restaurato. Si rafforza in questo modo un forte legame culturale che unisce il Palazzo Reale con il Teatro di San Carlo, in vista della prossima stagione musicale che vedrà ancora una volta i due Enti collaborare per la crescita culturale della città”.



I Fiati del San Carlo (Bernard Labiausse al flauto, Giuseppe Romito e Domenico Sarcina agli oboi, Sisto Lino D'Onofrio e Mariano Lucci ai clarinetti, Mauro Russo e Giuseppe Settembrino ai fagotti, Simone Baronici e Salvatore Acierno ai corni) diretti da Maurizio Agostini suoneranno in apertura di concerto Petite Symphonie, opera di grande freschezza scritta da Charles Gounod nel 1885, tra le pagine più eseguite del corpus di musica da camera del compositore francese. Dall'arte “delicata” di Gounod si approda alla musica galante della Serenata in do minore Kv 388 per strumenti a fiato di Wolfgang Amadeus Mozart, nella quale il genio di Salisburgo prende le distanze dalla leggerezza melodica di Bach e Händel, per forme di nuova concezione del genere “d'intrattenimento” dell'epoca. A seguire, la straordinaria inventiva di Gioachino Rossini con due celebri ouverture: L'Italiana in Algeri, lavoro di eccezionale energia musicale, lieve ed incalzante allo stesso tempo, che Stendhal definì “una follia prefettamente organizzata”, e Il barbiere di Siviglia, famoso per il finale con un massiccio intervento dei fiati. In chiusura, un brano moderno ed emotivamente trascinante, Libertango di Astor Piazzolla.

Gli appuntamenti di “Musica nei Giardini” proseguono martedì 5 luglio con l'Ensemble di Ottoni, martedì 12 luglio con il gruppo degli Archi con violino solista Cecilia Laca, e lunedì 19 luglio (ore 21.00, Cortile d'onore di Palazzo Reale) con Michele Campanella nelle vesti di direttore e pianista con l'Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©