Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

Napoli: “Stagione, locale, abituale” campagna UCMed per il consumo consapevole e virtuoso


Napoli: “Stagione, locale, abituale” campagna UCMed per il consumo consapevole e virtuoso
05/12/2013, 15:27

NAPOLI - Si chiama "stagionale, locale, abituale©" la campagna per il Natale 2013 promossa dall'Università della Cucina Mediterranea per il consumo consapevole a supporto della filiera agroalimentare virtuosa.
L'UCMed presenterà questa iniziativa domani, in occasione del Convegno organizzato dall'Associazione Italiana Veterinari Igienisti della Campania e che si svolge il 6 Dicembre al Teatro Tasso (accreditato con 10 ECM) cui partecipano veterinari, medici, biologici, tecnici della prevenzione e tecnici sanitari). Tema del Meeting "La ristorazione collettiva e il Territorio"che riunisce a Sorrento i maggiori esperti del settore per approfondire un tema di scottante attualità per la sicurezza alimentare, la qualità della ristorazione e la tutela della salute. "Collaboriamo con l'AIVI in questa importante iniziativa - evidenzia Corbino, docente unviersitario e direttore dell'UCMed - e il messaggio che mandiamo dal meeting di Sorrento vuole testimoniare l'impegno di tutta la filiera dell'alimentazione, dalla produzione alla tavola, a garantire sicurezza e qualità di ciò che mangiamo attraverso la conoscenza e comportamenti responsabili".
Alberto Corbino, docente unviersitario e direttore dell'UCMed, si rivolge ai Consumatori per  sensibilizzarli a consumare, e quindi ad acquistare, prodotti di stagione perchè "...frutta e verdura maturate secondo i tempi della natura sono più sane e più saporite".
Gli altri consigli riguardano: il rispetto del “fermo biologico” della pesca per consentire il ripopolamento del mare. Consumo locale: scegliere prodotti tipici del posto vuol dire garanzia di qualità e frutto dell’economia del territorio". I prodotti tipici costano di più? Spiega Corbino: "Se si pensa che siano più costosi, basta riflettere: meno quantità e più qualità che aiutano a star meglio e a non sprecare cibo e soldi". Infine comprare in modo abituale che significa selezionare con cura il proprio fornitore, confermagli sempre la fiducia con la propria spesa: così si verrà ricambiati con prodotti convenienti e di qualità, oltre che con un sorriso".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©