Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Napoli, sul palco della Galleria19 i Fitness Forever


Napoli, sul palco della Galleria19 i Fitness Forever
16/02/2011, 12:02

Più che in forma: esilaranti, intelligenti. Sbruffoni ma romanticissimi. Eleganti, boccacceschi e pure contemporanei. Senza peccare in eccessi, ecco gli input per accogliere sul palco della Galleria19 i Fitness Forever, band guidata da Carlos Valderrama – un cantautore di origini partenopee, omonimo del riccioluto e biondo campione di calcio colombiano – che dal vivo suona chitarra, bonghetti e fischietto bitonale e che è accompagnato da Andrea “Fazio” De Fazio (batteria e bosco), Antonio Fresa (moog, tastiere, bongos, glockenspiel e presentatore della serata), Luigi Scialdone (basso, voce e spalla del presentatore in stile Nino Frassica), Marcello Giannini (chitarra), Nicoletta Battelli (voce e percussioni) e Paster, alias Sara Russo (voce femminile, percussioni, costumista & art director).

“Anarchia, è magia. E ogni tanto andare a un reading di poesia. In Turchia danno un seminario di Antropologia. Della tua borghesia, serbi un certo affetto e un po’ di nostalgia, ma cara mia di uno stato faccio a meno se sei mia. Mariapia”.
C’è da commentare le strofe di “L’anarchica pugliese”? No, c’è soltanto da applaudire! Se ad emblema della loro imprevedibile verve lirica e live c’è questa canzone contenuta nell’album “Personal Train” [2009] è bene che il pubblico che parteciperà alla performance in calendario nel club del centro antico di Napoli si prepari ad assistere a una notte deluxe. Perché con i Fitness Forever si può addirittura usare la dicitura concerto da collezione.





Nel menù dello show di sabato 19 ci sono brani originali ma pure un paio di specialissime cover: anzitutto “Do You Know the Way to San José” del maestro Burt Bacharach. A seguire, “Don’t Stop ‘til You Get Enough” di Michael Jackson.
E poi i classici più irriverenti, dolci, malinconici e spavaldi di casa Fitness: “Probabilmente”, “Mondo Fitness” [non si contano più coloro che hanno provato a imitare il girotondo-jogging su un vinile…], “Vacanze a settembre”, “Palma de Mallorca”, “Albertone” [naturalmente introdotta dal fischio goliardico e dai nananananà alla Sordi], “Quando ho tempo”, “Se come te” [quasi a resuscitare il catalogo danzereccio-godereccio di Alan Sorrenti], “Breakfast at Diego’s”, la già citata “L’anarchica pugliese” e “Monica”.

Eppure Carlos e soci promettono almeno un paio di sorprese: l’inedito “Serata esagerata”, destinato al prossimo album, e l’evergreen “Bacharach”, che sottolinea ancora una volta quanto la band napoletana sia devota al compositore di Kansas City.

Nei prossimi sabato sono attesi Foja, Jfk + Micaela Tempesta, Greg and Blues Willies, Patrizia Laquidara, Revenaz Quartet, Tying Tiffany… Ingresso con consumazione. Info 081 198 10 100.


GALLERIA 19 è una vena che pulsa ritmo e allegria un tunnel ozioso e culturale. O uno spazio-quiete per studenti, professionisti, fan dello spettacolo, cittadini pigri e turisti a zonzo. Magari, pure una meta silenziosa per trovar pace nel maremoto sociale del centro antico di Napoli.

Dati tecnici: due bar _ connessione internet wireless _ telefono _ 4 servizi igienici + bagno disabili _ sala lettura _ palcoscenico in muratura che diventa zona privée _ zona camerini artisti _ 12 aree salotto _ nuovo sistema areazione _ nuovo impianto audio _ nuovo impianto elettrico.

lunedì chiuso. martedi = universitario. mercoledì = serata elettro. giovedì = dj internazionali. venerdì = nuovi suoni da Napoli e Campania. sabato = concerti. domenica = musica da salotto.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©