Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

La Confcommercio di Napoli celebra l'anniversario

Napoli, Unita d'Italia: "Pizza Garibaldi"


.

Napoli, Unita d'Italia: 'Pizza Garibaldi'
17/03/2011, 17:03

Al via dal 17 marzo le iniziative in tutta la città ed in provincia: "Uniti nel fare impresa". Con questo slogan la Confcommercio di Napoli e provincia si appresta, a partire dal 17 marzo, a celebrare i primi centocinquant'anni dell'Unità d'Italia nella convinzione che anche il mondo dell'economia debba vivere la nazione "come una grande famiglia, in cui il Governo svolga il ruolo del padre attento alle esigenze di tutti i figlioli ed in cui, se c'è da rimboccarsi le maniche per le bene anche di uno solo, io si faccia con spirito sereno e propositivo", ha commentato il presidente napoletano Pietro Russo.

A tal fine, il territorio napoletano sarà oggetto di una serie di iniziative che saranno presentate dallo stesso Russo e dai presidente della Fipe Confcommercio provinciale Salvatore Trinchillo martedì 15 marzo alle ore 11 presso la sede dell'associazione (piazza Carità 32).

In particolare, per festeggiare l'anniversario i ristoranti proporranno il “Piatto dell’Unità d’Italia”, mentre le pizzerie realizzeranno la “Pizza Garibaldi”. Entrambe le preparazioni saranno ispirate ai colori della bandiera nazionale oppure ad altri tipi di richiamo all’immagine dell’Italia, secondo la fantasia dei ristoratori e dei pizzaioli. Naturalmente, gli esercizi dotati di ristorante e pizzeria potranno proporre entrambe le preparazioni. Pasticcerie e gelaterie potranno poi realizzare un “Dolce Italia” o un “Gelato Italia”, anch’esso ispirato al tricolore o ad altri simboli dell’unità nazionale. I Bar infine potranno proporre un cocktail con la medesima ispirazione.

Non a caso quindi il 21 marzo, sempre presso la sede della Confcommercio napoletana, sarà la pronipote del generale Giuseppe Garibaldi: Anita Garibaldi, arrivata appositamente in città su invito del presidente Pietro Russo, ad assaggiare per prima la pizza intitolata al suo avo alla presenza di istituzioni locali e rappresentanti di categoria.

"Noi della Confcommercio - ha concluso Pietro Russo - nell'unità d'Italia ci crediamo e lo dimostriamo, in questa occasione e non solo. Ed anche se nei fatti, stante la disattenzione per le problematiche del comparto da parte del Governo, non percepiamo ancora Io stesso affiato da di chi ancora non si prende la briga di riconoscere un interesse particolare ad un territorio come il nostro che in questo momento ha, oggettivamente, delle esigenze particolari".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©