Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Napoli, visita alla basilica dell'Annunziata Maggiore


Napoli, visita alla basilica dell'Annunziata Maggiore
24/01/2011, 13:01

Sabato 29 gennaio l’Associazione Siti Reali Onlus, nell’ambito della campagna di tesseramento per l’anno 2011, ha organizzato un nuovo incontro culturale presso la Basilica della Santissima Annunziata Maggiore.

L’itinerario svelerà ai partecipanti l’antica bellezza della chiesa che fa parte di un vasto complesso monumentale costituito in origine da un ospedale, un convento, un ospizio per i trovatelli ed un "conservatorio" per le ragazze povere e prive di famiglia. L'istituzione, dedicata alla cura dell'infanzia abbandonata, era patrocinata dalla Congregazione della Santissima Annunziata, fondata nel 1318. Grazie alle pie attenzioni della regina Sancha d'Aragona, moglie di Roberto d'Angiò, nel 1343 la congregazione divenne La Real Casa dell’Annunziata di Napoli.

La dinastia angioina si fece anche promotrice della fondazione della prima chiesa che fu realizzata nel XIII secolo, l'edificio fu poi completamente ricostruito e ampliato a partire dal 1513, inoltre successivamente ad un grande incendio del 1757, che la distrusse quasi completamente, i lavori di ristrutturazione vennero affidati a Luigi Vanvitelli architetto che seppe magistralmente riutilizzare gli ambienti cinquecenteschi, incorporandoli nell'attuale struttura, ma non riuscì a portare a termine i lavori che vennero proseguiti sotto la direzione del figlio Carlo.

Dopo la visita alla chiesa si potranno ammirare il vicino Ipogeo o Succorpo e la famosa ruota, dove le madri indigenti mettevano i bambini per affidarli al brefotrofio.

Al termine de percorso, realizzato a cura dell’Associazione sarà possibile, per chi lo desidera, tesserarsi all’associazione per l’anno 2011.

L’appuntamento con gli operatori Siti Reali è alle ore 10.00 in via Annunziata, 34, Napoli. La prenotazione è obbligatoria e va effettuata entro venerdì 28 gennaio.La visita è gratuita.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©