Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Dal 18 al 21 novembre

Napolinfiore, wedding e fiori nel ventre di Napoli


Napolinfiore, wedding e fiori nel ventre di Napoli
23/11/2012, 17:32

NAPOLI - Una nuova opportunità di lavoro in uno dei settori più importanti dell’economia della Campania: la produzione di fiori. Un’iniziativa di formazione in un comparto ancora carente di figure specialistiche come quello dei fiori recisi.
Una vetrina per un settore trainante dell’economia. Una grande opportunità turistica. Sboccia Napolinfiore, il corso di formazione che, dal 18 al 21 novembre, offrirà a circa 50 esperti del settore la possibilità di approfondire i segreti dell’arte floreale applicata al settore del wedding, dalla realizzazione delle scenografie alle decorazioni. Otto docenti nazionali e internazionali (provenienti da Belgio e Olanda, nazioni di riferimento mondiale per il settore) formeranno circa 100 persone su 8 progetti specifici dedicati ad allestimenti wedding.
Il corso è organizzato da Ifloral, una delle eccellenze del mondo dell’arte floreale e dell’organizzazione di eventi, con una lunga esperienza nel campo della formazione professionale, dell’interior design e della progettazione di arredi urbani e allestimenti. Anche la location scelta per l’iniziativa è suggestiva: le tecniche dell’arte floreale saranno illustrate in uno dei percorsi più suggestivi della città nascosta, le Catacombe di San Gennaro della Basilica del Buon Consiglio.
Nel corso dello stage formativo, i maestri floreali condurranno i corsisti alla composizione di vere e proprie opere d’arte naturali realizzate con ben 20.000 fiori messi a disposizione dal Consorzio Fiori d’Italia. Le composizioni serviranno ad accrescere l’estetica e l’eleganza dei luoghi destinati ad accoglierle e che potranno impreziosire luoghi tradizionalmente deputati al turismo: Terrazza della Biblioteca di Palazzo Reale, Galleria Umberto I, San Gennaro fuori le mura, San Domenico Maggiore e Maschio Angioino. L’esposizione è prevista per i giorni 22 e 23 novembre.

Perché un progetto puntato su un mercato così specialistico come quello dei fiori? Perché questo comparto è uno dei fiori all’occhiello della Campania: la nostra regione è infatti al 1° posto per produzione di fiori recisi a livello nazionale e ospita fiere e centri florovivaistici di formazione e orientamento alle imprese, attivi nel campo della ricerca, sperimentazione e collaudo delle innovazioni in floricoltura. Il comparto floro-vivaistico è una delle realtà produttive più importanti anche a livello internazionale: il fatturato ammonta a circa 450 milioni di euro.

La conferenza stampa di descrizione del corso si terrà mercoledì 21 novembre alle ore 11.00 presso le Catacombe di San Gennaro, in via Capodimonte, 13. Per la stampa che interverrà è previsto un rinfresco.

I partners dell’iniziativa, a cui vanno i ringraziamenti per la collaborazione, sono: AF Foto-Art-Events, Criado srl, DekoTouch, Di Paolo allestimenti, Eurogreen, Faxiflora, Fiori d’Italia, Guerrieri srl, New F.F. di Franco Tarallo, Poliform, Tec ar flor florists’ partner, Verde Design, Vidi Glass.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©