Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

Format televisivo virtuale tra humor e food

Nasce "FaceFood" il nuovo format di Lino D'Angiò dedicato al mondo del food


Nasce 'FaceFood' il nuovo format di Lino D'Angiò dedicato al mondo del food
22/09/2018, 19:38

L’attore e conduttore partenopeo Lino D'Angiò porterà nei più rappresentativi luoghi di eccellenza del gusto della Campania un vero e proprio programma televisivo in diretta che sarà visibile sulla piattaforma Facebook. Grazie alle nuove tecnologie, sperimentate nell’ultimo periodo dallo stesso D’Angiò, nelle location prescelte verrà portato un vero e proprio studio televisivo virtuale. La struttura, i titolari ma soprattutto le immagini delle loro preparazioni verranno presentati al pubblico sfruttando l’ormai famoso social che negli ultimi anni è entrato a far parte della nostra vita in maniera preponderante. Il format è stato presentato in anteprima alla Locanda del Profeta a Napoli dall'attore e Laura Gambacorta.
Il valore aggiunto del format è rappresentato dalla conduzione di Lino D’Angiò all’insegna dell’ironia. Non mancheranno infatti i collegamenti con alcuni dei suoi innumerevoli personaggi che daranno pareri autorevoli sui piatti preparati dalla struttura ospitante.
Si spazierà dal Presidente De Laurentiis al Mister Ancelotti, dal Governatore De Luca a Maurizio Costanzo con la sua rubrica di cucina dal titolo “Leccatevi i baffi”. Fiore all’occhiello sarà la parodia del noto chef Antonino Cannavacciuolo e del suo programma “Cucine da incubo” che diventeranno rispettivamente Caccavacciuolo e “Cucino da incubo”. Ad accompagnare D’Angiò in questo viaggio tra i buoni sapori della Campania sarà l’esperta di food Laura Gambacorta che curerà l’aspetto enogastronomico degli appuntamenti.
Una cena che sarà più di uno spettacolo. Una struttura che diventa essa stessa uno studio televisivo in cui gli ospiti presenti, oltre ad assaggiare i piatti preparati, potranno a loro volta seguire e condividere il programma attraverso i propri telefoni cellulari. 

Commenta Stampa
di Marina De Feo
Riproduzione riservata ©