Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Nasce l’Associazione Studi Multidisciplinari in Oncologia (ASMO)


Nasce l’Associazione Studi Multidisciplinari in Oncologia (ASMO)
11/07/2011, 11:07

Iaffaioli: “Il fine è la programmazione ed attuazione di protocolli clinici moderni che arrivino alla cura e alla guarigione delle malattie tumorali, preservando sempre la qualità di vita dei pazienti”

Oncologi , biologi, anatomopatologi, chirurghi , ricercatori, radioterapisti, radiologi, terapisti del dolore uniscono le forze per combattere il cancro . Si costituisce a Napoli, per la prima volta in Italia , l’Associazione Studi Multidisciplinari in Oncologia (ASMO) . Eletto presidente il professore Sergio Calmieri , oncologo medico dell’Università di Palermo, vice – presidente il professore Rosario Vincenzo Iaffaioli , dell’Istituto Nazionale dei Tumori “Pascale” , segretario Giuseppe Palmieri dell’Istituto di Chimica Biomolecolare del CNR di Sassari, tesoriere Livio Blasi della Fondazione Istituto San Raffaele di Cefalù .
“La costituzione dell’ASMO nasce dalla consapevolezza dei ricercatori italiani che in oncologia non può essere valido il concetto di “una terapia uguale per tutti”. La caratterizzazione molecolare dei tumori – ha affermato il Presidente Calmieri - infatti, oggi è in grado di identificare le caratteristiche dei singoli pazienti neoplastici, rendendo così possibile l’individualizzazione delle terapie anticancro con lo scopo di colpire le cellule malate del paziente , risparmiando quelle sane” .
Uno degli obiettivi prioritari dell’ASMO “è quello di favorire il pieno e organico sviluppo di produttive collaborazioni tra le diverse discipline che concorrono alla diagnosi , cura e management del paziente. Il fine ultimo è la programmazione – ha concluso il vice - presidente Iaffaioli - ed attuazione di protocolli clinici moderni ed innovativi che , partendo dalla biologia molecolare , arrivino poi alla cura e alla guarigione delle malattie tumorali , preservando sempre la qualità di vita dei pazienti”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©