Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Un vademecum sulle 34 guerre alla data del 30/09/010

Nasce “L’Atlante delle guerre nel mondo”


Nasce “L’Atlante delle guerre nel mondo”
12/03/2011, 09:03

È una sorta di vademecum delle 34 guerre esistenti sulla terra alla data del 30 settembre 2010. È “L’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo” ideato da Raffaele Crocco, giornalista Rai, scrittore e documentarista e creato dall’Associazione 46/o Parallelo in collaborazione con il Premio Ilaria Alpi, per le edizioni Aam Terra Nuova di Firenze. La seconda edizione dell’annuario è articolato in 208 pagine a colori di grande formato, corredate dalle cartine geografiche dell’Onu e dalle foto dell’immenso archivio dell’Associazione Ilaria Alpi, che illustrano i 34 conflitti individuati. Per ognuno vi è una scheda geografica di quattro pagine, oltre a una dozzina di situazioni limite, cioè guerre non ancora dichiarate o appena concluse, inserite nella sezione “Inoltre”. Delle sezioni speciali presentano lo stato di salute del pianeta, i rapporti sulle missioni Onu, la situazione dei rifugiati, i beni artistici e naturali distrutti o a rischio a causa di guerre. Una parte speciale è dedicata ai bambini soldato, alla lotta per il controllo delle risorse e dell’acqua in particolare, alla guerra vista con gli occhi delle donne. La cartografia generale usata è legata alle innovative proiezioni di Peters, mentre la Redazione dell’Atlante è composta da grandi inviati e da esperti di politica internazionale, come Ettore Mo, Amedeo Ricucci, Luciano Scalettari, Angelo Ferrari, Federica Ramacci, Enzo Nucci, Michele Nardelli, Francesco Cavalli. L’entusiasmo con cui è stato accolto questo Atlante dimostra che per fortuna c’è ancora molta voglia di capire quello che succede nel mondo e il volume è utile a questo scopo e facile da consultare anche per un lettore poco esperto di questioni internazionali. “L’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo” si acquista nelle librerie di tutta Italia al costo di 20 euro o direttamente sui siti www.aamterranuova.it o www.atlanteguerre.it.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©