Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Navigare: bilancio esaltante


Navigare: bilancio esaltante
31/10/2011, 15:10

Napoli, 31 Ottobre – Le cifre e le indicazioni che giungono dalla 24.ma edizione della manifestazione nautica Navigare, l’expò in mare della nautica in Campania, parlano da sole: quindicimila presenze in nove giorni, tre appuntamenti istituzionali di supporto all’economia del mare e segnali di ripresa del segmento lasciano più che soddisfatti gli organizzatori.

L’Anrc, associazione nautica regionale campana, presieduta da Marco Monsurrò, nel tracciare il bilancio consuntivo della propria manifestazione trova riscontri più che positivi da parte degli operatori di settore presenti ed intervenuti a Baia: “Possiamo sicuramente ritenerci soddisfatti per quanto presentato a Baia in questi ultimi nove giorni di esposizione – ha affermato Marco Monsurrò - abbiamo messo le basi per realizzare una manifestazione che rappresenta con soddisfazione l’intera filiera della nautica. Ora dobbiamo attuare le progettualità presentate a Navigare dagli enti Regione Campania e Camere di Commercio, per poter diventare un appuntamento di interesse nazionale”.

Non sono state solo le 107 imbarcazioni presenti in acqua, disponibili per le prove degli acquirenti, o i 40 espositori di accessori e servizi per la nautica presenti sul molo, a creare indotto, ma anche l’intera offerta turistica e archeologica dei Campi Flegrei. La stima di Anrc infatti ha valutato in circa 300mila euro l’indotto indiretto e in altri 200mila quello diretto creati dall’evento sul territorio di Baia. Una “ricchezza” che lo stesso sindaco di Bacoli, Ermanno Schiano, ha definito: “Una linfa per la nostra comunità considerato il momento, lontano dalla stagione estiva”.

Altro dato importante emerso a Navigare giunge proprio dalle richieste d’acquisto. Negli ultimi anni i compratori giungevano alla definizione del contratto attraverso un leasing, invece a Baia i rapporti d’interesse sono stati diretti a testimonianza che nessuno più compra barche oltre le proprie capacità economiche. Il tutto eviterà, nell’immediato futuro, quanto accadeva in precedenza, ovvero il rientro in cantiere dell’imbarcazione per rate leasing non versate, intasando i cantieri che dovevano gestire l’usato invece che produrre il nuovo.

Insomma segnali di ripresa importanti che proiettano la nautica da diporto, e i servizi collegati, verso orizzonti meno cupi e che, già in primavera a Baia durante il prossimo appuntamento di Navigare, possono trovare riscontro: “Entro metà novembre – dichiara Marco Monsurrò – sarà riunita l’assemblea generale dell’Anrc per la definizione delle date per l’esposizione di primavera, tenendo conto del fitto calendario eventi del periodo legato al mare ed alla nautica”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©