Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Affluenza da tutta Italia. Oltre 15.000 biglietti venduti

Neapolis Festival 2010: un mix tra artisti internazionali e band emergenti


Neapolis Festival 2010: un mix tra artisti internazionali e band emergenti
17/07/2010, 13:07

Si è conclusa ieri nello scenario della Mostra d'Oltremare, la XIV Edizione del Neapolis Festival, una kermesse musicale durata due giorni, che ha visto Napoli diventare capitale italiana della musica, i cui protagonisti indiscussi sono stati Fat Boy Slim il 15 e I Jamiroquai il 16 luglio.
Un palco di 250 metri quadri, un impianto di 100 kwatt, ed oltre 30,000 metri quadri di spazio sono i numeri che hanno contraddistinto questo Festival tutto napoletano. Oltre al palco fisso, anche uno itinerante organizzato su uno scuolabus degli anni ottanta.
Nonostante il caldo afoso, tanta la gente che si è riversata alla Mostra (oltre 15mila i biglietti venduti), proveniente da tutta Italia.
Unica data italiana per i Jamiroquai, oltre loro e Fat Boy Slim, si sono alternati sul palco per questi due giorni, tanti altri gruppi emergenti come Andy Fag e The Real Men, The Niro, Does It Offend You, Yeah, i Velvet, Carbon/Silicon, Gang of Four, Stereo Mcs. Presenti anche Yann Tiersen ed i 24 grana. Insomma un mix tra artisti di un certo livello e gruppi emergenti, che ha reso questo evento originale ed importante.
Il Neapolis è stata un'occasione non solo per proporre buona musica in Campania, ma anche per dare l'opportunità a marchi indipendenti, ed etichette discografiche di venire alla luce nel competitivo mondo musicale, attraverso l'allestimento di circa 30 stand lungo i porticati della Mostra.
Nonostante sia stata data la possibilità di un biglietto in abbonamento per entrambi i giorni, è stato netto il divario di affluenza trala prima e la seconda giornata: la data dell'esibizione dei Jamiroquai, ha visto senz'altro una quadruplicazione di gente presente.
Il gruppo, per la seconda volta a Napoli dopo il Cornetto free Music Festival, ha scelto la nostra città come unica data del tour estivo per la presentazione del loro ultimo lavoro, il greatest hits High Times: Singles 1992-2006 , primo album con la Columbia Records, dopo la rottura con la casa discografica Sony Music.

Commenta Stampa
di Ramona Montanaro
Riproduzione riservata ©