Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Nella cittadina picentina il concerto di sax di Mazzoni e l’inaugurazione della Fondazione Petroni


Nella cittadina picentina il concerto di sax di Mazzoni e l’inaugurazione della Fondazione Petroni
11/07/2011, 11:07

Fine settimana all’insegna della musica e della cultura quello appena trascorso a San Cipriano Picentino, con due concerti di sassofono e l’inaugurazione della «Fondazione Aurelio Petroni», nuovo ente patrocinato dalla Provincia di Salerno e dal Comune di San Cipriano Picentino. Il doppio appuntamento musicale è giunto a conclusione del «Viaggio con il sassofono nel Novecento musicale», master-class internazionale di sassofono svoltosi nella cittadina picentina e tenuto dal sassofonista Massimo Mazzoni. Sabato sera, presso l’antico Palazzo Petroni, sede della nuova fondazione, si è tenuto il concerto finale degli allievi e nella stessa serata c’è stata la presentazione della Fondazione Aurelio Petroni e dei progetti che intende realizzare, seguita da una visita guidata all’interno del palazzo dell’antica e nobile famiglia Petroni. All’inaugurazione-concerto erano presenti il direttore scientifico della fondazione Enzo Pezzella, coordinatore artistico dell’Accademia delle Belle Arti di Bruxelles, e tutti i membri del comitato direttivo. Domenica sera, invece, è stata la volta di Massimo Mazzoni in persona, che ha deciso di concludere l’esperienza sanciprianese regalando, nella cornice dell’ex Convento di San Francesco di Paola, l’esecuzione di musiche per sax solo tratte dal repertorio classico e contemporaneo dello strumento. «Qui a San Cipriano e con gli allievi con cui ho lavorato mi sono trovato molto molto bene - racconta Mazzoni - Ho trovato un ambiente cordiale, pieno di passione e di slancio, e soprattutto ragazzi pieni di talento. Quello nelle zone salernitane - continua - è stato per me, un sassofonista, una sorta di ritorno alle origini, in quanto qui a Salerno è nata la prima cattedra di sassofono istituita in Italia».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©