Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Next in Wine 2012 ai giovani talenti della Vigna Italia


Next in Wine 2012 ai giovani talenti della Vigna Italia
19/06/2012, 12:06

Aperte le iscrizioni alla seconda edizione del premio NextInWine, organizzato da Simonit & Sirch Preparatori d’Uva e dalla Scuola Italiana di Potatura della Vite in collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier e Bibenda per premiare i giovani talenti delle vigne.

Next in Wine, vinto lo scorso anno da Pierpaolo Di Franco e Davide Fasolini dell' Azienda Dirupi di Ponte di Valtellina, è un premio ai giovani talenti della Vigna Italia (massimo 35 anni di età) capaci di guardare al futuro, mantenendo saldo il legame con le proprie radici. Un premio alla voglia di fare, di andare avanti con caparbietà e serietà, di sperimentare, attingendo con intelligenza al grande patrimonio di esperienze del passato.

Le candidature verranno raccolte entro il 28 settembre attraverso il web (www.nextinwine.it www.facebook.com/nextinwine ), dove i candidati dovranno accreditarsi e presentare i loro progetti e attività.

La proclamazione del vincitore avverrà a Roma il 24 novembre 2012, in occasione della presentazione della Guida Duemilavini 2013. Il Premio consiste in un quadro, espressione del talento e del lavoro in vigna, di Gianpaolo Spagnoli, giovane artista emergente.



“ Siamo convinti che il vigneto Italia ha ancora tantissime potenzialità da esprimere, che possono far compiere ai nostri vini un nuovo balzo in avanti sia nella qualità che nella personalità – spiega Marco Simonit – Un vino, per emergere oggi, deve affermarsi per la sua forte identità, attraverso un rapporto esemplare tra il vigneto e il terroir da cui proviene e che lo rende unico e inimitabile. Bisogna quindi che il viticoltore collochi al centro del suo progetto enologico le vigne e il lavoro in campagna, che garantiscono il plus necessario perché un vino possa distinguersi ed eccellere.”

“E’ necessario un intelligente mix tra tradizione e innovazione, tra conoscenza e coraggio, tra lungimiranza e progettualità, in uno sviluppo continuo e meditato: solo così si crea un vero ponte tra passato e futuro, tra tradizione e innovazione – continua Marco Simonit - La viticoltura procede per evoluzione e non per drastica rivoluzione. Il nuovo rinascimento viticolo sarà tale quando la vigna tornerà la vera e insostituibile “madre” del vino. Un rinascimento che noi vogliamo affidare ai giovani, ai giovani di Next in Wine.”

A selezionare i partecipanti sarà una giuria presieduta da Attilio Scienza, Preside del Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia della Facoltà di Agraria di Milano, e composta da illustri protagonisti del mondo dell'enologia, ovvero François Murisier Vice-presidente dell’Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino; Francesco Gagliano dell’Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari SOAT della Regione Sicilia; Gianluca Macchi Direttore del Centro Ricerca Internazionale studi e Valorizzazione per la Viticoltura di Montana CERVIM ; Fabio Mencarelli dell’Università della Tuscia ; la giornalista Clementina Palese dell’Informatore Agrario; Enrico Peterlunger dell’Università di Udine; Diego Tomasi del CRA – VIT di Conegliano e membro del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©