Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Nino d'Angelo confermato direttore artistico del Trianon


Nino d'Angelo confermato direttore artistico del Trianon
18/07/2009, 14:07

Nino D’Angelo, appena riconfermato direttore artistico del Trianon Viviani, il teatro pubblico di piazza Vincenzo Calenda a Forcella, annuncia il cartellone della prossima stagione 2009/2010.
E alla sua riconferma corrisponde una novità sul fronte gestionale, con la presidenza assunta da Raffaele Giovanni Carfagna, docente di economia aziendale, fondatore e presidente per 10 anni della Banca di credito cooperativo e recentemente presidente della Sauie, la società della Regione che gestisce parte del patrimonio immobiliare dell’ente di Santa Lucia. «Studioso dell’economia sociale di mercato, sono particolarmente lieto di proseguire il mio impegno nel teatro diretto da Nino D’Angelo per rilanciare l’attività del Trianon Viviani in iniziative di carattere sociale, facendo di questo teatro un’agorà per le iniziative delle tante vive realtà del terzo settore esistenti nel quartiere e non solo».
Il meglio del teatro comico napoletano, tradizionale e nuovo, a prezzi contenutissimi. La formula del teatro del popolo Trianon Viviani non cambia anche per il cartellone della prossima stagione 2009/2010. Con l’obiettivo ambizioso di consolidare se non aumentare il patrimonio degli oltre quattromila sottoscrittori, puntando molto anche sul canale della vendita online (www.trianonviviani.it).
«Le novità di questa nuova stagione teatrale – spiega D’Angelo – sono un cartellone che passa da otto a nove titoli e la scelta per gli abbonati tra due formule di sottoscrizione (a otto o a nove spettacoli). Confermo, invece, la nostra politica di sempre per avvicinare al teatro anche nuove fette di pubblico: prezzi popolari e qualità dei servizî di accoglienza, come il garage convenzionato abbinato a una navetta gratuita e la climatizzazione del teatro».
Nel cartellone si segnala un doppio impegno artistico per il direttore D’Angelo. Il primo è il titolo che inaugura il cartellone (dal 2 ottobre): D’Angelocantabruni (bis), ripresa, a furor di pubblico e di critica, del fortunato concerto-spettacolo dedicato alla Voce ‘e Napule Sergio Bruni. Nell’altro, nel periodo di Natale (dal 4 dicembre al 10 gennaio), vede l’ex-caschetto d’oro tornare alla sceneggiata, dopo quasi trent’anni, con un titolo tra i più popolari: Lacreme napulitane. Rilevante il cast: Nino è Isso, Maria Nazionale Essa; chiude il triangolo ‘o Malamente di Peppe Lanzetta; con la comicità di Oscar Di Maio.
Dal 23 ottobre Benedetto Casillo è protagonista e regista di Caviale e lenticchie, nella fortunata versione napoletana che di questa commedia di Scarnicci e Tarabusi fece Nino Taranto. Novembre sotto il segno di Eduardo De Filippo (dal 13) con Gigi Savoia e Giovanna Rei in Chi è chiù felice ‘e me, la commedia tratta dalla Cantata dei giorni pari Nel nuovo anno, dal 15 gennaio, Patrizio Rispo e Dalia Frediani in Matrimonio a sorpresa. Segue, dal 5 febbraio, Carlo Buccirosso in Vogliamoci tanto bene. E veniamo, quindi, dal 26 febbraio, al ritorno di Peppe Barra, con un titolo che è un suo cavallo di battaglia, I fantasmi di monsignor Perrelli. Dal 19 marzo, Ciro Ceruti e Ciro Villano, comici di punta della nuova scena cabarettistica televisiva e teatrale, propongono Tressette col morto. Chiude la stagione, dal 9 aprile, Francesco Paolantoni con Che fine ha fatto il mio io?.
La campagna abbonamenti partirà mercoledì 22 luglio prossimo.
Il botteghino del teatro è aperto tutti i giorni, dal lunedì al sabato, dalle ore 10 alle ore 13:30 e dalle ore 16 alle ore 19:30 (chiusura estiva in agosto, da lunedì 10 a sabato 22).
I vecchi abbonati potranno far valere il diritto di prelazione, per confermare i posti precedentemente sottoscritti, fino a sabato 12 settembre prossimo.
Per informazioni e acquisti online www.trianonviviani.it. Il numero di telefono del teatro è 081-225 82 85.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©