Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

La soddisfazione del sindaco di Nola

Nola, tutto pronto per i carri di Piedigrotta


Nola, tutto pronto per i carri di Piedigrotta
03/09/2009, 16:09


Dopo la visita di martedì scorso del Presidente Antonio Bassolino alla Bottega d’Arte Tudisco, come da tradizione, domani sera, venerdì 4 settembre 2009, alle 23.00 circa, toccherà al Sindaco di Nola Geremia Biancardi, salutare con un beneaugurante e tradizionale brindisi, la partenza dei carri che animeranno da sabato, la Festa di Piedigrotta. Dieci le strutture semoventi realizzate per il terzo anno consecutivo dai maestri cartapestai nolani, riuniti nelle varie botteghe artigiane, che rappresentano l’unico vero polo specialistico in tutta la regione e che, attraverso la costruzione del Museo delle Macchine da Festa e della Cartapesta, con annessi i nuovi laboratori, potranno finalmente godere del definitivo rilancio strutturale, industriale ed occupazionale. Proprio in questi giorni, infatti, ripartono i lavori di costruzione del Museo, mentre la Regione dovrebbe finanziare anche quelli relativi al terzo lotto, che comprenderà i nuovi opifici.
“Sono molto contento che la nostra cartapesta sarà ancora assoluta protagonista della Piedigrotta con i carri allegorici, dimostrazione questa, che la cartapesta nolana non è soltanto quella straordinaria dei Gigli – ha dichiarato il Sindaco di Nola Geremia Biancardi –. Inoltre, nel complimentarmi con gli artigiani e le maestranze per queste autentiche opere d’arte, non posso non rimarcare orgogliosamente come Nola sia l’unico polo produttivo d’eccellenza di cartapesta in Campania. Per questo – ha continuato il primo cittadino di Nola –, mi rivolgo proprio ai maestri cartapestai, che avranno ancora una volta a loro disposizione, una straordinaria vetrina internazionale per mostrare i capolavori di cui sono capaci: continuate a privilegiare la qualità alla quantità e a sperimentare anche altri percorsi, ovviamente senza mai dimenticare la principale specializzazione, lo stato dell’arte, ovvero, i nostri Gigli”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©