Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

'NOTE IN PASTA' AD ACERRA


'NOTE IN PASTA' AD ACERRA
08/09/2008, 16:09

 

 

 

La tavola dei pezzenti, Liccpilone (figura popolare proveniente dal mondo dei lazzari e protagonista delle gare dei mangiatori di maccheroni), Carmine Coppola (ultimo erede della maschera di Pulcinella) con il Trio del San Carlino e l'esibizione del Civico Complesso Bandistico “G. Pinna” di Acerra che proporrà lo spettacolo “Note in pasta” sono tra le attrazioni principali della seconda edizione del Festival di Pulcinella (direttore artistico Modestino de Chiara), organizzato dal Comune di Acerra, in collaborazione con numerose associazioni locali, in programma nei giorni del 12-13 e 14 settembre 2008 nel Castello Baronale e nell'omonima piazza antistante, ad Acerra, appositamente addobbata con scenografie del 500 dalla cooperativa Pulcinella.

 
Lo spirito della manifestazione è il recupero dei veri connotati psicologici della maschera di Pulcinella, che la tradizione vuole essere nata ad Acerra: non più lo stereotipo popolaresco del “buffone”, ma il filosofo arguto, pungente, portatore di un’istanza ribellistica, beffardamente insofferente ai soprusi dell’autorità e astutamente ironico nei confronti della mentalità e dei comportamenti di nobili e borghesi. La figura di Pulcinella trova riscontro nella vita vissuta delle classi meno abbienti, vedi la storia di Pernillo che, dedito al pascolo dei maiali lasciatigli in custodia dai contadini impegnati nei campi, attirava una folla di fanciulli ai quali trasmetteva un'arguzia ed un senso della vita pulcinellesco.
 
Per l'occasione, i Musei di Pulcinella e della Civiltà contadina (direttore Tommaso Esposito, all'interno del Castello Baronale) rimarranno aperti durante tutta la manifestazione (l'ingresso è gratuito), con visite guidate a cura dell'associazione culturale “Acerra Nostra”.
 
Quest'anno vogliamo rilanciare la maschera di Pulcinella, interprete dei valori di solidarietà e malinconia, caratteristiche di una figura che giorno per giorno deve guadagnarsi il pane da vivere. A differenza dello scorso anno, in cui l'evento era di forte impatto culturale, il Festival del 2008 vuole far risaltare le radici popolari locali per dare un certificato di nascita acerrano a Pulcinella, e chiudere per sempre tutte le polemiche su dove sia nato questo personaggio. Ebbene, anche alla luce degli studi effettuati non può che essere nato in una realtà come Acerra -dichiara il Sindaco Espedito Marletta-. Abbiamo inteso coinvolgere tutte le esperienze nostrane per far emergere le professionalità nascoste della città, che sono sì locali ma di respiro internazionale”.
 
Ecco il programma completo:
 
12 Settembre (ore 18:00): Il Sindaco Marletta inaugurerà la manifestazione con una visita guidata ai Museo di Pulcinella e della Civiltà Contadina. A seguire degustazioni di prodotti tipici allietata dai suoni di musici e dal pazzariello-banditore.
 
13 Settembre (ore 18:00): visite guidate ai Musei di Pulcinella e Civiltà contadina. Ore 19:30: Enzo Schiattarelli, banditore e cabarettista; Lucia Oreto e il suo Trio (commedia dell’arte); Ferdinando Smaldone, cantastorie; Eduardo Amirante e la sua band; musicisti vari; posteggia; Pulcinella solitario. In contemporanea: la tavola dei pezzenti, Liccpilone, gara di mangiatori di maccheroni.
 

14 Settembre (ore 18:00): visite guidate ai musei di Pulcinella e della Civiltà contadina. Ore 18:30: le guarrattelle di Renato Barbieri; i Pulcinella del “Centro Internazionale Danze” di Mina Marzullo. Alle ore 20:00, esibizione del Civico Complesso Bandistico “G. Pinna” di Acerra che proporrà lo spettacolo “Note in pasta” con la voce recitante di Peppe Mastrocinque; poi Enzo Schiattarelli, banditore e cabarettista; Carmine Coppola e il Trio del San Carlino, commedia dell’arte; Ferdinando Smaldone, cantastorie; Eduardo Amirante e la sua band; musicisti vari, posteggia. In contemporanea: la tavola dei pezzenti, premiazione del miglior Liccpilone e gara di mangiatori di maccheroni.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©