Cultura e tempo libero / Clubbing

Commenta Stampa

Nuovo appuntamento per la seconda edizione di Come Taste the Band


Nuovo appuntamento per la seconda edizione di Come Taste the Band
04/10/2011, 11:10

Nuovo appuntamento per la seconda edizione di Come Taste the Band, il ciclo di incontri tra musica e parole dedicati alle degustazioni musicali. Ad incontrare il pubblico sarà la Andreasbanda che proporrà un'anteprima del disco "De pie, cantar" realizzato con la parteciapzione di Horacio Duràn, storico musicista degli Inti Illimani. Nell'album infatti sono riproposti alcuni tra i più famosi brani del gruppo cileno ripresi durante un concerto.
Il disco prende il nome da un verso celeberrimo di “El pueblo unido”, vero inno transnazionale da almeno un quarantennio dell’autodeterminazione dei popoli e degli individui, espressione che racchiude al tempo stesso una specie di esortazione alla consapevolezza di sé e all’amore per gli altri, alla condivisione.
L’amore, che è il vero motore di questo incontro. L’amore per l’altro, per la sua cultura, per le sue scelte, per le differenze, da rispettare e da superare. L’amore che cambia il mondo e qualche volta lo salva. L’amore che non dimentica e che, con sofferenza, aiuta anche a non dimenticare.
L’amore, terribile e bellissimo, che sostiene le musiche di questo disco, che dà vita alle melodie di Victor Jara ( “La partida”, “El aparecido” la già citata “Luchín”),che anima i temi struggenti di brani tradizionali o di Horacio Salinas ( “El mercato Testaccio”, “Cueca de la ausencia”, “Tata San Juan”, “Entre amor”dello stesso Durán, tutti capisaldi indimenticabili del repertorio degli Inti Illimani). L’amore, infine, che Horacio ha profuso nell’interpretare L’indifferenza è una febbre, canzone degli AndreaSbanda dal sapore popolare europeo, arricchita e rinvigorita dalle sonorità del charango. Non mancano le proposte originali del gruppo, “Impara” e “Non sono indispensabile”, entrambe antidoti potenziali contro il delirio di onnipotenza in agguato per noi tutti dietro il solito, inevitabile angolo, proposte ironiche, ma soprattutto oneste. Come l’intero lavoro.
A coniugare musica e parole saranno Lorenzo Campese al piano, Marco De Simone alla chitarra, Carlo De Gennaro alla batteria, Roberto Giangrande al basso, Francopaolo Perreca ai fiati e Andrea Campese alla voce.
La manifestazione è realizzata con il patrocinio morale della IV^ Municipalità e promossa da May Day News, Associazione Pietrasanta, Ensemble Vocale di Napoli, Dragonfly, la Locanda del Grifo, Hotel Neapolis, Belle Arti Resort, Miletti Antonio Strumenti Musicali e la Macchina del Tempo. Gli incontri avverranno alle ore 18.00 nella “Piccola Arena di Arianiello” in Largo Proprio di Arianiello nel cuore del centro storico di Napoli, tra via Atri e via Tribunali.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©