Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

NUOVO TEATRO NUOVO DI NAPOLI: LENGUE OF CCA', VENT'ANNI DOPO DI ENZO MOSCATO


NUOVO TEATRO NUOVO DI NAPOLI: LENGUE OF CCA', VENT'ANNI DOPO DI ENZO MOSCATO
26/01/2009, 18:01

Se resistere, sopravvivere, non essere annullati-dimenticati-rimossi, in questo tempo di oblio, rapidissimo e feroce in ogni cosa, è un primato, lo è due volte di più se accade a teatro, sulla scena”.

Nasce proprio da queste parole, estrapolate da una nota dell’attore, regista e drammaturgo Enzo Moscato, il progetto che la sua Compagnia Teatrale e il Nuovo Teatro Nuovo di Napoli, presenteranno, da giovedì 29 gennaio a domenica 15 febbraio 2009, negli spazi dello Stabile di Innovazione partenopeo: la breve, ma intensa, suite di spettacoli Lengue of Ccà. Vent’anni dopo.

“E che si possa fare, - continua Moscato nella sua nota  - vieppiù, anche con leggerezza, ironia, briosità, lo testimoniano, tra l’altro, pure quei ‘vent’anni dopo’, appesi all’odierna rassegna come uno smorfioso ‘pendantif’. Omaggio non solo alla durata e longevità degli artisti che resistono, ma anche alla specifica ‘teatro-novela’ nostra, che, fragile barchetta, contro marosi coriacissimi, tiene ben salda la rotta, e che senz’altro navigherà, Dio permettendo, per altri venti e poi venti e poi vent’ anni ancora, nel tempo, qualsivoglia, che verrà”.

Lengue of Ccà. Vent’anni dopo è un percorso di tre spettacoli, impreziosito da una performance di Cristina Donadio, che sottolinea la possibilità di attraversare, piu’ o meno indenni, il tempo ‘contro’, proseguendo con uno spirito sempre più saldo e determinato, lucido ed attento, nient’affatto impaurito o scoraggiato dalla ‘stupid’azione’ globale, sempre imperante.

Ad inaugurare questo “viaggio” nell’universo ‘moscatiano’, giovedì 29 gennaio 2009 alle ore 21.00 (in replica fino a domenica 1 febbraio) sarà lo spettacolo Compleanno, scritto, diretto ed interpretato dallo stesso Moscato ed accompagnato dalla voce su chitarra di Salvio Moscato. La scena e i costumi sono a cura di Tata Barbalato.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©