Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Oasi degli Astroni, giornata in memoria di Vanda Spoto


Oasi degli Astroni, giornata in memoria di Vanda Spoto
09/09/2011, 15:09

Napoli – Lunedì 12 settembre 2011 nell’Oasi degli Astroni di Agnano (Napoli) si terrà l’iniziativa Vivi la Natura, vivi il Sociale! promossa dall’Oasi WWF Cratere degli Astroni e dall’associazione culturale Nakote con il gruppo di imprese sociali Gesco. In occasione dell’evento, la riserva naturale degli Astroni sarà aperta gratuitamente (dalle 9.30 alle 15.30) a tutti i cittadini, con una particolare attenzione a bambini e ragazzi, anziani, disabili, sofferenti psichici ed ex tossicodipendenti che saranno accompagnati da operatori sociali.

Un’intera giornata dedicata al sociale e alla natura in memoria di Vanda Spoto, la presidente di Legacoop Campania scomparsa lo scorso 29 luglio, per il suo impegno sui temi della cooperazione, del rispetto dei diritti civili e della legalità. Agli ospiti saranno proposti laboratori, visite guidate, mostre e la visione dello spettacolo Pulcinella servitore nobile realizzato dall’associazione Nakote. Associazioni e cooperative sociali saranno presenti con stand espositivi di prodotti e servizi sui temi della sostenibilità ambientale, dell’agricoltura biologica e del commercio equo e solidale. Parteciperà anche il Comitato soci di Unicoop Tirreno che metterà a disposizione una postazione in cui i visitatori potranno bere e degustare i prodotti della linea bio.

Nel corso della mattinata si svolgerà una tavola rotonda cui parteciperanno, tra gli altri, gli assessori comunali alle Politiche sociali Sergio D’Angelo e all’Ambiente Tommaso Sodano, l’assessore provinciale alla Solidarietà Francesco Pinto, il direttore del Dipartimento socio-sanitario dell’Asl Napoli 1 Mario Petrella, il vicepresidente di Legacoop Campania Vittorio Di Vuolo.

È stato invitato anche il sindaco di Napoli Luigi De Magistris.

Sarà presente la Console Generale Reggente degli Stati Uniti d’America Pamela Caplis.

L’iniziativa sarà la prima di una serie di attività culturali e sociali rivolte alle fasce deboli della popolazione che saranno realizzate dalle organizzazioni che si occupano di ambiente con quelle che svolgono servizi alla persona.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©