Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Oggi a Napoli forum sull'evasione fiscale


Oggi a Napoli forum sull'evasione fiscale
21/10/2011, 09:10

NAPOLI – “Per la ripresa non si può che passare da una riduzione dell’evasione fiscale e del sommerso, altrimenti nessun intervento strutturale credibile sarà proponibile. Perché ciò sia possibile, però, è necessario provvedere ad una semplificazione legislativa, adottando misure normative ed amministrative snelle e mantenendo una continuità di indirizzo tecnico e politico”. Lo ha detto Vincenzo Moretta, consigliere segretario dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli, presentando il convegno “Le manovre fiscali 2011”, che si terrà oggi dalle ore 10,00 presso l’Hotel Royal Continental (Via Partenope 38/44, Napoli).

“La categoria avverte l’esigenza di una discussione approfondita sulle prospettive del fisco italiano e sulla opportunità di un intervento di modifica organico e ispirato a criteri di razionalità economica, tenendo altresì presente l’attuale situazione dell’economia italiana afflitta da un tasso di crescita anemico, da crescenti difficoltà di bilancia dei pagamenti, e gravata da un debito elevatissimo e aumentato ulteriormente a causa della crisi”.

Sono però necessari interventi normativi, in materia fiscale, meditati e non improvvisati, spiega il presidente dell’Ordine Achille Coppola. “Da maggio ad oggi sono entrate in vigore almeno altre 250 regole da osservare da parte di pubbliche amministrazioni e soggetti privati: tutto ciò va a concretarsi in un avvertibile disorientamento delle imprese e delle attività economiche private e pubbliche. Esse sono prive della possibilità di avere puntuale conoscenza delle direzioni verso le quali ci si sta muovendo per il riassetto strutturale dell’economia del Paese”.

“Grazie anche alle manovre estive del 2011, l’Amministrazione Finanziaria dispone di nuovi e più incisivi strumenti atti a perseguire l’obiettivo del contrasto all’evasione ed elusione fiscale”, evidenzia Enrico Sangermano, direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate. “Negli anni 2009 e 2010 l’Agenzia delle Entrate in Campania ha accertato oltre 4 miliardi di euro di evasione, riscuotendo oltre 1,2 miliardi. Siamo sicuri che, grazie ai nuovi strumenti a disposizione, l’azione amministrativa sul territorio potrà essere ancora più efficace”.

Il convegno si aprirà con gli indirizzi di saluto di Bruno Miele, vicepresidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli; Benedetto Mineo, amministratore delegato di Equitalia Sud SpA; il generale di divisione Giuseppe Mango, comandante della Guardia di Finanza Campania.

Alla prima tavola rotonda interverranno il dottore commercialista Amedeo Sacrestano; Salvatore Cortese, capo del Settore Controlli Contenzioso e Riscossione dell’Agenzia delle Entrate Campania; il consigliere Odcec Napoli Michele Saggese; il pubblicista Vito Dulcamare. La seconda tavola rotonda, introdotta da Clelia Buccico, professore associato di Diritto tributario della Seconda Università degli Studi di Napoli, vedrà la partecipazione di Immacolata Vasaturo, componente della Commissione Contenzioso e Accertamento del Cndcec; Sandro Sciancalepore, responsabile normativa Equitalia Sud SpA; Ottavio Nocerino, professore aggregato di Diritto tributario SUN.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©