Cultura e tempo libero / Enogastronomia

Commenta Stampa

Olio novello, annata dei record. Per i top 3 arriva il premio ‘nuovolio2012’


Olio novello, annata dei record. Per i top 3 arriva il premio ‘nuovolio2012’
06/12/2012, 15:21

Il miglior olio da un decennio a questa parte. Il 2012 regala un'ottima annata ai produttori campani con basse percentuali di acidita' ed eccellenti caratteristiche chimiche e organolettiche. 

E' questo il primo responso emerso dal concorso 'Nuovolio 2012' organizzato da Coldiretti Campania e Unaprol grazie anche al supporto della direzione e dello staff della Biblioteca nazionale di Napoli. I premi, per i migliori oli extra vergine ottenuti con le olive dell'annata agraria corrente, saranno consegnati domani  7 dicembre nella prestigiosa Sala Rari della Biblioteca napoletana.
All’incontro parteciperanno Prisco Lucio Sorbo, Direttore di Coldiretti Campania, Giulio Scatolini,Massimo Gargano Capo panel e presidente Unaprol, Raffaele Sacchi, Università Federico II Facoltà di Agraria,  Daniela Nugnes, delegata del Presidente Caldoro all’Agricoltura della Regione Campania, Gennarino Masiello presidente di Coldiretti Campania.     
''Con questo riconoscimento - dicono Gennarino Masiello e Prisco Lucio Sorbo, presidente e direttore di Coldiretti Campania - vogliamo valorizzare un prodotto importantissimo per l'economia della nostra regione. L'olio e' un punto forte della tradizione campana, cardine della Dieta mediterranea e tra i piu' importanti prodotti del nostro settore agroalimentare''.    Secondo i numeri di Coldiretti, sono oltre 73mila gli ettari di terra messi a produzione in Campania dai quali, nel solo 2011, si sono ottenuti quasi 415mila quintali di olio.

Con 'Nuovolio 2012' verranno premiati i migliori oli nelle categorie fruttato leggero, fruttato medio e fruttato intenso giudicati in base ai risultati delle analisi chimiche e sensoriali. Ma prima ancora di scoprire i vincitori del concorso un dato positivo c'e' gia': l'olio 2012 sara' tra i migliori di questo ultimo decennio. Tutti i campioni pervenuti hanno infatti superato in maniera eccellente le analisi chimiche e organolettiche. Complice il clima particolarmente favorevole e la mancanza di parassiti, le olive erano perlopiu' senza difetti e l'olio con ottime caratteristiche chimiche e livelli particolarmente bassi di acidita'.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©